Contenuto riservato agli abbonati

Dà in escandescenze mentre parla Salvini, arrestata una 40enne

Polizia e carabinieri mentre arrestano la donna

Durante il comizio di domenica a Chioggia. Prima rompe un bicchiere, poi dà calci e pugni a chiunque.  In manette con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale

CHIOGGIA. Ha cominciato rompendo un bicchiere di vetro proprio mentre il segretario della Lega Matteo Salvini, domenica mattina, stava prendendo posizione per il suo comizio in piazzetta Granaio. Poi si è lanciata tra la folla contro una persona che, probabilmente, l’aveva ripresa, ma è stata placata dai poliziotti in borghese che si trovavano vicino al palco. Le intemperanze di S.B., 40 anni, in evidente stato confusionale probabilmente a causa dell’alcol, non si sono però placate.

La donna ha cominciato a tirare calci, pugni e schiaffi a destra e a sinistra, contro chiunque le si parasse davanti. Lo show della donna, mentre Salvini stava parlando alla piazza, in quel momento abbastanza affollata, è continuato per almeno una decina di minuti, fino a quando cioè è stata bloccata e quindi arrestata per resistenza a pubblico ufficiale. Ieri è stata processata per direttissima.

A fermarla hanno provato in tanti: amici, conoscenti e forze dell’ordine, ma non c’era verso di placarla. S.B. si è scagliata contro tutto e tutti ed a farne le spese anche la segretaria del Partito Democratico clodiense Barbara Penzo, che ha più volte in passato provato ad aiutare la donna. La segretaria dem si è presa una sberla in pieno volto che le ha fatto volare via gli occhiali e procurato parecchio dolore al naso. Quando sembrava che finalmente S.B. si fosse calmata, allontanandosi, è improvvisamente tornata sui suoi passi, scagliandosi di nuovo contro i carabinieri che hanno cercato in tutte le maniere di tranquillizzarla. Impresa vana perché la furia della quarantenne, anziché sminuire, era decisamente aumentata, tanto che a quel punto, con un intervento congiunto, carabinieri e poliziotti hanno immobilizzato S.B., arrestandola. Non è la prima volta che la donna va in escandescenze. Un paio di anni fa, completamente ubriaca, era stata cacciata dai proprietari del bar Barinto e lei poi si era vendicata spaccando le vetrate del locale. Tempo dopo aveva fatto volare i tavoli del bar Centrale.DANIELE ZENNARO

Video del giorno

Sardegna in fiamme, le immagini girate dai volontari: dalle case distrutte alla fuga dei bagnanti

Spigola in crosta di pomodorini secchi e pistacchi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi