Fermo amministrativo per la nave portacontainer che si era incagliata al largo di Cortellazzo

La nave portacontainer incagliata al largo di Cortellazzo (foto ClaudioVianello)

Lo rende noto la Capitaneria di Porto di Venezia. Un’ispezione ha rilevato il mancato rispetto delle condizioni di sicurezza per l’imbarcazione che batte bandiera delle Marshall Islands

VENEZIA. Fermo amministrativo per la nave portacontainer Carla Liv, che pochi giorni fa si è incagliata davanti alla spiaggia di Cortellazzo. Lo rende noto la Capitaneria di Porto di Venezia. Dopo la ispezione effettuata da personale della Capitaneria di porto di Venezia – Nucleo Port State Control (PSC), specializzato nelle verifiche attinenti la sicurezza delle navi mercantili italiane ed estere, la portacontainer Carla Liv, di bandiera Marshall Islands, è stata “detenuta”, vale a dire fermata amministrativamente.

La nave si era resa protagonista di un incaglio al largo di Cortellazzo, nella mattinata di venerdì scorso, e, successivamente, era stata disincagliata, grazie all’azione dei servizi tecnico-portuali (in particolare Piloti del porto di Venezia e servizio di rimorchio), coordinati da personale della Guardia Costiera. L’atto è stato conseguenza degli esiti dell’attività ispettiva, nel corso della quale sono state rilevate gravi non conformità.

La nave portacontainer incagliatasi al largo di Cortellazzo, vista dal drone

La nave potrà riprendere il viaggio verso il porto di Trieste, destinazione originaria, solo dopo che lo stato di bandiera avrà condotto apposite verifiche circa le condizioni di sicurezza, ai sensi delle convenzioni internazionali vigenti, e dopo che il Nucleo PSC avrà re-ispezionato la nave, riscontrando l’avvenuta rettifica delle non conformità.

Video del giorno

Sardegna in fiamme, le immagini girate dai volontari: dalle case distrutte alla fuga dei bagnanti

Spigola in crosta di pomodorini secchi e pistacchi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi