Contenuto riservato agli abbonati

Neonato muore un giorno dopo il parto cesareo

Il piccolo nato in Ostetricia a Portogruaro ha avuto subito dei problemi ed è stato trasferito in Terapia intensiva a Treviso, dove è deceduto

PORTOGRUARO. Un neonato di Portogruaro è morto 24 ore dopo la sua nascita. La tragedia si è consumata tra il 12 e il 13 luglio scorso, fra gli ospedali di Portogruaro e di Treviso, dove alla fine il piccolo è deceduto. Era nato dopo un taglio cesareo nel reparto di Ostetricia a Portogruaro. I problemi di salute hanno riguardato il piccolo quasi subito il suo trasferimento al nido.

Il neonato ha manifestato sintomi imprevisti. La rianimazione è durata più di due ore. Si è organizzato il trasferimento al reparto di Terapia intensiva neonatale all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Inutili si sono rivelati i tentativi di salvarlo. Il suo cuore si è fermato. Sconcertante l’atmosfera al centro neonatale di Portogruaro: si parla di dipendenti nella disperazione, dopo avere appreso dall’ospedale della Marca la drammatica notizia. Qualcuno ha trovato la forza e la sensibilità necessaria per informare la famiglia, sottoposta a una prova che in pochi riescono a comprendere o immaginare. Al momento non c’è un’inchiesta, ma i genitori stanno meditando di presentare un esposto alla magistratura.

Si sono, per il momento, affidati a un medico legale, che ha partecipato due giorni fa, come perito di parte, all’autopsia di carattere ospedaliero, organizzata per capire la reale causa di morte del bambino. I risultati saranno pronti tra una quarantina di giorni. Non si azzardano, per il momento, ipotesi. Nel frattempo è giunto il nulla osta alla sepoltura e domani alle 16.30, nella chiesa di San Nicolò a Portogruaro, verranno celebrati i funerali.

L’azienda sanitaria del Veneto orientale al momento non commenta ufficialmente. Il direttore generale Mauro Filippi è addolorato per quanto accaduto. Il dg contatterà quanto prima il padre e la madre del bambino, per esprimergli il cordoglio suo e dell’intero mondo sanitario locale. Al momento si ipotizza che il piccolo possa essere stato vittima di un problema ancora da definire, ma la stessa azienda sanitaria è in attesa di conoscere i risultati dell’autopsia per esprimere un parere in merito. L’attuale atteggiamento dimostra senza dubbio prudenza, al cospetto di un episodio molto raro

Video del giorno

Sardegna in fiamme, le immagini girate dai volontari: dalle case distrutte alla fuga dei bagnanti

Spigola in crosta di pomodorini secchi e pistacchi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi