Allarme tori rientrato l’ultimo fuggitivo dichiarato “innocuo”

quarto

Allarme tori rientrato. Ieri mattina, poco prima di mezzogiorno, le ricerche dell’ultimo vitellone francese del gruppo degli undici fuggiti dall’allevamento Porcellato di Ca’ Tron sono state definitivamente chiuse. Il toro che ha fatto ammattire fino a ieri mattina le forze dell’ordine e i volontari è stato dichiarato «inattivo», vale a dire che o è ferito o è morto durante la fuga. Lo stop alla corrida è arrivato ieri mattina da carabinieri e forestale, quest’ultima impegnata nelle ricerche dalle prime luci dell’alba. Ed è stato diffuso successivamente alla Prefettura e a sua volta a tutti gli enti coinvolti nella partita, che sono stati moltissimi. Basti pensare che per presidiare i 1.200 ettari di campagne e boschi che si snodano nell’area di Ca’ Tron e corrono lungo la ferrovia, sono state impegnate tre protezioni civili, Roncade, che coordinava i volontari, Casale e Treviso in supporto. Notte e giorno al lavoro. Quasi 48 ore di corrida che ha visto anche l'abbattimento di quattro tori considerati pericolosi. Setacciata la campagna palmo palmo con droni, radar ed elicotteri.


Dalle 11.40 i convogli che si spostavano lungo la tratta Venezia-Trieste, nel tratto compreso tra San Donà e Quarto d’Altino, sono tornati a circolare a velocità normale. Rallentamenti fino a trenta minuti per 3 Frecce, un Italo, un Intercity, un treno da Vienna, 19 regionali e 8 treni limitati. «L’ultimo toro, l’undicesimo, siamo sicuri dai conteggi che esisteva» fa sapere la sindaca di Roncade Pieranna Zottarelli «ma crediamo sia morto oppure si sia ferito tra la vegetazione o saltando qualche canaletta. Comunque sia è “inattivo”. L’area è libera, è stata perlustrata da cima a fondo, di lui non c’è traccia. Pertanto non si muove e non può avvicinarsi ai binari o diventare un problema per l’incolumità pubblica e i cittadini, la cosa più importante». Un dispiegamento ingente e costoso di uomini e mezzi. «Gli errori ci stanno e chi lavora commettere errori», prosegue il primo cittadino «si faranno tutte le valutazioni per capire se sono state rispettate le misure». —



Video del giorno

Napoli, l'operatore ecologico sparge i rifiuti per strada: le immagini dalle telecamere di sicurezza

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi