Contenuto riservato agli abbonati

Nuovo stop alla movida di Venezia: controlli e transenne per evitare gli eccessi

Dalle 15 alle 24 scattano limitazioni al consumo di alcolici, interessate Riviera XX Settembre e tutte le aree centrali

VENEZIA. Anche nel prossimo fine settimana proseguiranno le restrizioni volute dal Comune, e che impongono la vendita e consumazione di alimenti e bevande per i locali aperti in alcune zone della città tra laguna e terraferma. Il tutto per evitare assembramenti che possano ovviamente aggravare la diffusione del Covid tra la popolazione, e soprattutto tra i giovani nell'ora dell'aperitivo. Polizia locale, polizia di Stato e carabinieri saranno impegnati congiuntamente a far rispettare l’ordinanza.

Da oggi a domenica, tra le 15 e le 24, si potrà consumare al banco nel rigoroso rispetto del distanziamento interpersonale di un metro tra ciascun cliente, altrimenti in bar e ristoranti la somministrazione e consumazione di alimenti e bevande sarà consentita solo con la clientela seduta a tavola.

L’ordinanza è stata trasmessa al Prefetto per valutare la collaborazione tra forze di polizia di Stato e polizia locale per la sua applicazione e il rispetto delle restrizioni.

«Dopo lo scorso fine settimana, il primo passato in zona bianca, abbiamo dimostrato di essere tutti impegnati per rispettare le regole ed uscire così, quanto prima, da questa pandemia» ha detto l'assessore alla Sicurezza, Silvana Tosi. «Per questo abbiamo voluto proseguire, anche per questo weekend, con un'ordinanza che ci consenta di tornare a vivere, ma evitando situazioni di assembramenti. Un sincero ringraziamento arrivi, ancora una volta, agli agenti della polizia locale e a tutte le forze dell'ordine per il loro fondamentale servizio nel garantire la sicurezza sia ai residenti che ai visitatori della nostra città».

Le zone nelle quali saranno in vigore le restrizioni sono a Mestre la Riviera XX Settembre e le strade limitrofe, piazzale Donatori di Sangue e Calle Giovanni Legrenzi.

A Venezia limitazioni invece a Cannaregio in Fondamenta degli Ormesini, e in quella della Misericordia da Ponte San Girolamo a Ponte San Marziale, con l'aggiunta della fascia 11-15 di domenica mattina. A San Polo i campi San Giacomo (in vulgo San Giacometto), della Naranseria, Cesare Battisti (già Bella Vienna) oltre alle calli e ai portici limitrofi. Quindi a Dorsoduro in campo Santa Margherita, calli, ponti e campielli nelle vicinanze. 

Video del giorno

Un capriolo tra gli ombrelloni a Bibione, ecco il video

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi