Contenuto riservato agli abbonati

Un capriolo a nuoto per la laguna di Venezia. Recuperato all’isola degli Armeni

Maschio, meno di due anni, e con un carattere da esploratore. Potrebbe essere arrivato da Treporti. L’esperto: «Ormai abitano la nostra pianura, ma vederlo qui in acqua è davvero singolare»

VENEZIA. Uno spavaldo esploratore, un abile nuotatore. Ai primi avvistamenti lo scetticismo degli interlocutori era d’obbligo: «Ma sei proprio sicuro di averlo visto?».

Poi sono comparse le prime foto, i video girati di WhatsApp in WhatsApp. Un capriolo a spasso per la laguna, a zampettare tra le isole più verdi, e a nuotare tra i canali, guadati come fossero corsi d’acqua di montagna. Dopo un primo avvistamento, lo scorso 17 maggio all’alba sull’isola di Sant’Erasmo, da parte di un raccoglitore di vongole, ieri mattina il capriolo è stato visto nuotare nei pressi dell’Isola degli Armeni. Dove, infine, è stato recuperato e poi messo nelle mani di un esperto veterinario: leggermente ferito, un po’ spaventato da tanto clamore, ma tutto sommto in buona salute. C’è un video in cui lo si vede salire i gradini per l’isola di San Lazzaro degli Armeni, un po’ titubante questa volta, circondato da barche che lo invitavano a zampettare verso la riva, per mettersi in salvo. Da dove arriva il capriolo nuotatore, che qualcuno ha già battezzato con il nome di Venezia?

Stupore a Venezia, cucciolo di capriolo arriva a nuoto e si mette in salvo

È difficile dirlo. Al momento le ipotesi in campo sono due. La prima è che sia un capriolo sceso in pianura fino alle campagne di Treporti, e poi saltato di isola in isola, addentrandosi nella laguna. La seconda ipotesi è che qualcuno - in qualche isola o nei pressi della laguna - lo detenesse illegalmente. Qualcuno che adesso, ovviamente, se ne sta in silenzio per evitare di essere denunciato. Un ritrovamento dei quale si sta occupando anche la polizia provinciale. Se la prima ipotesi fosse vera si potrebbe trattare di quel capriolo che nei giorni scorsi è stato visto girovagare tra Jesolo, Cavallino e Treporti, così spavaldo da entrare anche, per pochi secondi, tra le corsie di un piccolo market, tra lo stupore dei clienti, di via Aquileia. «Noi siamo abituati a vedere questi animali in collina o in montagna ma i caprioli stanno benissimo anche in pianura», racconta Mauro Bon, un esperto zoologo del museo di Storia naturale di Venezia, «non hanno bisogno di boschi, vivono nella boscaglia, si possono nascondere nei canneti i nei campi di mais. La loro presenza qui in pianura, così come quella dei cinghiali, è assodata da tempo, soprattutto nelle zone di Caorle e Bibione, nella campagna della Sinistra Piave». Scendono in pianura seguendo le aste dei fiumi. Secondo il presidente dell’associazione naturalistica sandonatese Michele Zanetti, nel Veneto orientale ci sarebbero circa 400 esemplari.

«Noi tutti siamo abituati a vederli in montagna», prosegue Bon, del museo di Storia naturale di Venezia, «ma una volta vivevano anche nella nostra pianura». Va bene la pianura, ma che dire di questo capriolo che attraversa la laguna come se fosse andare da una riva all’altra del Piave? «I caprioli sanno nuotare molto bene», prosegue Bon, «ma che questo esemplare si sia spinto fino in laguna è molto singolare. Di solito sono i maschi giovani che esplorano il territorio, questo è di sicuro un avventuriero, anche se è difficile mettersi nella sua testa». E infatti è un giovane maschio quello recuperato e portato in salvo all’isola degli Armeni. Può darsi che dalla zona di Treporti il capriolo Venezia si sia buttato in acqua, attraversando il canale per paura, perché spaventato da qualcuno o da qualche cosa.

E poi? Da Sant’Erasmo potrebbe essere passato all’isola delle Vignole, e poi da qui al Lido e infine all’Isola degli Armeni, dove ieri mattina è stato avvistato e poi ripescato, nel grande stupore degli ospiti dell’isola. I vigili del fuoco sono riusciti ad avvicinare il giovane capriolo riuscendo a catturarlo e metterlo in sicurezza, bloccandolo e bendandolo, fino all'intervento del veterinario dell’Usl Serenissima, per le cure del caso.

Video del giorno

I genitori di Francesco Lamon da Mirano: "Noi frastornati ma felicissimi"

Insalata di lenticchie, spinaci, sedano e cipollotto al limone

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi