Delitto Noventa: Cacco va alla Corte europea, il ricorso entro settembre

La prima sezione della Corte di Cassazione ha rigettato tutti i ricorsi dei difensori, confermando 30 anni di carcere per Freddy Sorgato e per la sorella Debora e 16 anni e 10 mesi per la Cacco, condannata per complicità in omicidio e per stalking

CAMPONOGARA. Il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo per Manuela Cacco dovrà essere pronto entro la fine di settembre, ovvero entro sei mesi dal deposito delle motivazioni della sentenza della Cassazione. A valutare il ricorso per l’ex tabaccaia di Camponogara è il suo difensore, l’avvocato Alessandro Menegazzo. Cacco è stata condannata con i fratelli Debora e Freddy Sorgato per l’omicidio di Isabella Noventa nel 2016.

La prima sezione della Corte di Cassazione ha rigettato tutti i ricorsi dei difensori, confermando 30 anni di carcere per Freddy Sorgato e per la sorella Debora e 16 anni e 10 mesi per la Cacco, condannata per complicità in omicidio e per stalking.

«Abbiamo quattro mesi di tempo», spiega l’avvocato Menegazzo, «per analizzare attentamente le carte che hanno portato alla condanna, ora passata in giudicato, della mia assistita».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Calabria, il video del salvataggio di 339 migranti a bordo di un peschereccio

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi