Contenuto riservato agli abbonati

Mose, i lavoratori vanno verso lo sciopero: «Risposte o blocchiamo tutto»

I sindacati chiedono al prefetto un tavolo permanente e il saldo dei crediti vantati dalle aziende che hanno fatto i lavori

VENEZIA. Mose, sindacati pronti a scendere in agitazione, coinvolgendo non solo i dipendenti delle tre imprese che si occupano direttamente dell’opera – Consorzio Venezia Nuova, Comar e Thetis – ma anche quelli delle imprese che hanno eseguito lavori ad essa legati ma che sono in forte difficoltà per l’intenzione manifestata dal commissario liquidatore del Consorzio Massimo Miani di rimborsare solo una minima parte – circa il 30% – dei crediti vantati per i lavori già svolti, con possibili gravi riflessi occupazionali.

Lo

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Il primo prototipo di una moto elettrica per esplorare la Luna

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi