A Spinea ragazzini fotografati mentre sfiorano un treno in corsa

Rotta la rete che delimita la massicciata in via Giussani. I residenti consegnano le immagini alle forze dell’ordine

SPINEA. Ancora ragazzini che sfidano i treni sui binari. Come riportato da alcuni residenti che hanno documentato con foto ora a disposizione delle autorità, da alcuni giorni un gruppo di ragazzi è tornato a “divertirsi” affrontando i treni sui binari della linea per Bassano.

All’altezza di via Giussani, alcuni giovanissimi - che dalle immagini appaiono appena maggiorenni o poco meno - hanno raggiunto i binari della ferrovia per la sfida di velocità ai treni in passaggio che andava già di moda alcuni anni fa.

Non si sa ancora se si tratti di emulazione, di una bravata di gruppo isolata oppure di una forma di pericolosa iniziazione per entrare nel gruppo stesso. Di certo c’è che negli ultimi giorni i residenti hanno segnalato più volte la presenza di quei ragazzi sui binari. Alcuni abitanti hanno individuato il punto di accesso per affrontare la sfida, notando una recinzione abbattuta a poca distanza dall’accesso di via Giussani che porta direttamente ai binari.

Carabinieri e polizia ferroviaria di Mestre sono stati prontamente avvertiti. Proprio la polizia ferroviaria si è già attivata per le indagini e per la risistemazione della rete tagliata. Il danno intanto è stato provvisoriamente coperto con una rete arancione di sicurezza per bloccare gli ingressi. La recinzione originale dovrebbe essere ripristinata entro la prossima settimana.

«Ho sentito varie volte negli ultimi giorni», spiega uno dei residenti, «il treno suonare, essendo quel punto anche in curva». Già nel 2016 a Spinea c’era stata la segnalazione di ragazzi che si posizionavano sui binari per scattarsi i selfie poco prima del passaggio dei treni. Ora la preoccupazione per la pericolosa emulazione è di nuovo alta. «Abbiano prontamente allertato chi di competenza per monitorare la situazione. Questo è un fatto molto pericoloso e da controllare con estrema attenzione», fanno sapere dal Comune, mentre le forze dell’ordine ricordano che qualora si dovessero vedere situazioni simili è possibile avvisare subito la Polfer al numero 041.5445122. 

Video del giorno

"Un boato e siamo usciti di casa": il racconto dalle zone del terremoto in provincia di Treviso

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi