Appello di Checco Zalone: trovate le carrozzine elettriche rubate agli atleti disabili. Oggi a Jesolo

La condanna del presidente Zaia per il vile furto ai membri della Nazionale di calcio in carrozzina elettrica. Appello ai ladri del comico Zalone. Il furgone con l’attrezzatura rinvenuto giusto in tempo per il viaggio in Veneto

JESOLO. Sono partiti per Jesolo, senza abbattersi e con la forza del loro spirito, i cinque atleti pugliesi che parteciperanno al primo ritiro della nazionale di Powerchair football, calcio in carrozzina elettrica, al Villaggio Marzotto, vittime del furto commesso a Trani del loro furgone, ritrovato martedì sera danneggiato assieme alle attrezzature contenute all’interno.

I ladri nei giorni scorsi avevano rubato infatti il mezzo dell’associazione sportiva “Oltre Sport” che trasportava due carrozzine da gioco e tutta l’attrezzatura. Oltre al Fiat Ducato nuovo, e con pedana attrezzato per il trasporto dei disabili, altri 70mila euro di refurtiva.

L’episodio ha suscitato la solidarietà di tutta Italia, a partire dalla Puglia, e dalla città di Jesolo che li sta attendendo per la competizione organizzata da oggi fino al 16 maggio. Ieri c’è stato anche l’intervenuto del governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, il sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, per censurare il vile atto. E si è aggiunto il governatore del Veneto Luca Zaia, lui stesso impressionato da quanto accaduto alla squadra: «Esprimo tutta la mia solidarietà, e quella dei Veneti, all’associazione Oltre Sport, a Donato Grande e ai suoi compagni di squadra. Non ci sono parole per definire questo atto, ignobile e vergognoso, che ha messo a rischio la partecipazione della rappresentativa azzurra pugliese al primo raduno nazionale di calcio in carrozzina. In questo momento credo che solo la solidarietà e la vicinanza a questi atleti possa dare supporto e un segnale di speranza a una realtà che oggi ne ha sicuramente bisogno», continua, «chiunque abbia commesso il furto spero trovi il modo per riparare, perché neppure immagina come queste carrozzine rappresentino il mezzo per fare la differenza in una vita di sacrifici. La passione per uno sport ha permesso a questi atleti paralimipici, affetti da disabilità motorie severe e gravissime, di superare diverse barriere arrivando oggi a indossare la maglia azzurra».

Il comico pugliese Checco Zalone si è rivolto con il suo stile ai ladri: «C’è speranza anche per voi». Un episodio che ha colpito l’opinione pubblica. Anita Pallara, presidente dell’associazione nazionale famiglie Sma e atleta della nazionale, aveva pubblicamente chiesto di aiutarli a ritrovare il mezzo. Un cittadino lo ha trovato e chiamato il 112. La squadra si è riorganizzata per partire e raggiungere il lido per oggi, quando inizia il raduno ospitato al Villaggio Marzotto.

L’assessora allo sport di Jesolo, Esterina Idra, oggi è pronta a dare il benvenuto agli atleti pugliesi: «Li aspettiamo tutti insieme per cercare di dimenticare questa brutta avventura e ripartire con forza e coraggio nel rispetto dei valori dello sport e della solidarietà».

Video del giorno

Terremoto in Grecia, il momento della scossa a Creta: le persone fuggono dagli edifici

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi