Incidente di motocross nel ferrarese, 33enne di Fiesso in coma

L’atleta è ricoverato a Bologna, il quadro clinico è molto grave. Il paese fa il tifo per lui: «Appassionato e molto preparato»

FIESSO D’ARTICO. La comunità di Fiesso d’Artico è con il fiato sospeso a causa del gravissimo incidente capitato a M.D. di 33 anni, residente nel centro rivierasco. Il giovane è in coma e lotta fra la vita e la morte dopo un gravissimo incidente capitato domenica 2 maggio al campo di motocross di Denore, in provincia di Ferrara. Sport di cui il giovane è appassionato e ha ottenuto tanti successi nel corso della carriera.

Ieri di prima mattina della vicenda si è subito interessato il sindaco Andrea Martellato. «Ho saputo del gravissimo incidente capitato a un nostro giovane concittadino», spiega Martellato, «Sono davvero scosso per l’accaduto. Da quanto mi è stato riferito, il giovane è in coma ed è ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna. Speriamo guarisca, si ristabilisca e torni presto in paese senza aver riportato gravi conseguenze».


Da quanto si è potuto capire circa la dinamica dell’incidente in gara, due motociclisti, dei circa trenta che partecipavano alla competizione a Denore, tra cui molti provenienti dal Veneto, si sono urtati in maniera del tutto casuale durante un volo. Il corpo del 33enne di Fiesso, dopo essere piombato al suolo, è stato più volte investito dalle moto che seguivano.

Subito sono scattati i soccorsi. M.D. è stato immediatamente immobilizzato e, considerato lo stato di incoscienza, sono iniziate sin da subito le manovre rianimatorie da parte del medico di gara e del personale delle ambulanze di Voghiera Soccorso. Considerata la gravità della situazione, la centrale operativa 118 Emilia est ha fatto decollare l’elicottero di soccorso di stanza all’ospedale Maggiore, che in breve tempo ha raggiunto il campo di gara. Le operazioni di soccorso si sono protratte sul posto per oltre 45 minuti. Il 33enne è stato intubato e portato all’ospedale di Bologna. Sulla pista sono arrivati i carabinieri della stazione di Villanova che hanno raccolto testimonianze sull’accaduto per ricostruire la dinamica dell’incidente e accertare eventuali responsabilità. La magistratura ferrarese non ha aperto per ora alcun fascicolo sul caso. I carabinieri non hanno proceduto ad alcun sequestro.

Ieri in paese la notizia dell’accaduto si è sparsa velocemente anche in via Tramazzo, dove abita il giovane insieme alla mamma. «È un bravo ragazzo, sempre gentile», spiega Antonio Badoer, che vive in zona, «So che questo giovane abita con la mamma in un appartamento. Oggi (ieri, ndr) in casa non c’era nessuno. Immagino fossero tutti al capezzale del ragazzo. Speriamo se la cavi e possa tornare presto a Fiesso».

Il giovane è conosciuto anche nel bar che si trova nella piazza del municipio del paese. Ieri tanti gli avventori del bar che hanno tentato di sapere cosa fosse successo. «Ha una grandissima passione per le motocross, è una persona che mette una grande preparazione e cautela nell’affrontare le competizioni». —

Alessandro Abbadir

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi