Microinquinanti nei bambini: il Consiglio comunale di Venezia chiede un monitoraggio

Dopo il documento dei pediatri sullo stato di salute dei piccoli e le proteste contro l’inceneritore di Fusina viene portata alla luce la necessità di esaminare la presenza di inquinanti e metalli nel latte materno e nelle unghie della popolazione infantile

VENEZIA. Primi risultati delle proteste popolari dei giorni scorsi contro l’inceneritore Veritas di Fusina. Il Consiglio comunale ha approvata all’unanimità una mozione per il monitoraggio biologico dei microinquinanti nel siero e nel latte materno e di metalli pesanti nelle unghie della popolazione infantile.

A Mestre continuano le proteste popolari contro l'inceneritore Veritas

La mozione  chiede al sindaco e alla giunta di farsi parte attiva nei confronti della Regione Veneto e della Usl 3 per avviare quanto prima lo screening per il monitoraggio biologico dell'eventuale presenza di microinquinanti nel siero e nel latte materno e di metalli pesanti nelle unghie della popolazione infantile, valutando l'estensione di tale monitoraggio all'area metropolitana e regionale.

L’obiettivo del provvedimento è quello di ottenere una fotografia delle condizioni di salute del bambino fin dalla tenera età.

Le ragioni di questo screening sono molteplici. Si vuole ad esempio valutare quanto i parametri ambientali del territorio veneziano stiano impattando nello sviluppo fisico e sul benessere delle generazioni future. Poi poter poter calibrare scelte politiche che puntino a diminuire, in presenza di risultati che riscontrino criticità, il carico di inquinanti esistenti individuando e riducendone le fonti.

Nel testo della mozione si sottolinea come i dati validati da Arpav relativi al 2020, aggiornati al 22 ottobre 2020, evidenzino che il valore limite giornaliero di PM10 (50 μg/m3) da non superare più di 35 volte/anno risulti essere già stato superato per 55 giorni a Treviso, per 51 giorni a Padova, Vicenza e Rovigo, per 50 giorni a Venezia e per 41 giorni a Verona.

Nel provvedimento si evidenzia inoltre come molti pediatri operanti nel territorio comunale, in un recente documento, abbiano espresso la loro preoccupazione sullo stato di salute dei bambini già malsicuro a causa dell'inquinamento.

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi