Contenuto riservato agli abbonati

A Dolo platetici gratis anche ai locali che non hanno spazi esterni

Iniziativa per aiutare bar e ristoranti che potranno occupare aree attigue. Mira offre invece ai gestori l’ampliamento a costo zero fino al 31 dicembre

DOLO. Plateatici gratis per bar ristoranti e altri locali che vogliono ampliarli e a Dolo anche per quelli che non hanno spazi per i tavolini all’aperto. Potranno così lavorare nei prossimi mesi. A loro saranno trovate delle aree ex novo dove potranno esercitare la loro attività all’aperto. Si tratta in tutto di una cinquantina di locali fra Dolo e le frazioni di Arino e Sambruson.

A Mira il Comune intanto annuncia invece che i plateatici saranno gratuiti e potranno essere ampliati a costo zero fino alla fine dell’anno. «Nel centro di Dolo per questa estate», spiega il sindaco pro tempore Gianluigi Naletto, «vogliamo creare ad esempio nell’area di piazza Cantiere, Dolo 2000 (via Guolo), ma anche l’area dei Molini, viale Mazzini, piazza Mercato e Foro Boario momenti attrattivi per rilanciare la vita sociale ed economica in piena sicurezza.

Per questo sfruttando gli spazi all’aperto daremo ai locali la possibilità di ampliare e occupare gratuitamente il suolo pubblico fino a giugno del prossimo anno, cioè fino a metà 2022». Ma non solo. «Abbiamo pensato», spiega il vicesindaco di Dolo, «a tutti quei locali come bar, pasticcerie, ristoranti, paninoteche, pub, wine bar che non hanno la possibilità di mettere a ridosso del locale tavoli e sedie. Per loro insieme con la polizia locale e l’Usl troveremo delle aree ad hoc nelle vicinanze dell’attività, dove potranno servire i propri clienti. Stiamo pensando a parcheggi, aree pubbliche e piazze».

Dal canto suo Mira annuncia che offrirà invece agli esercenti l’opportunità di fruire di plateatici più ampi, dove possibile. Una misura che riguarda circa 150 attività fra capoluogo e le 6 frazioni. «Abbiamo deciso di prorogare», spiega l’assessora Vanna Baldan, fino al 30 giugno 2021 il beneficio fiscale che riguarda le occupazioni fatte da imprese di pubblico esercizio, e le occupazioni temporanee per l’esercizio dell’attività di mercato. Abbiamo poi prorogato al 31 dicembre 2021, la possibilità di presentare in modalità facilitata le domande per le concessioni per l’occupazione di suolo pubblico».

Un aiuto concreto per far ripartire la vita sociale e commerciale in Riviera. —


 

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi