Contenuto riservato agli abbonati

Lido, uomo muore in bici. In due picchiano un vigile per passare comunque in monopattino

La polizia locale aveva sbarrato al traffico lungomare Marconi durante le operazioni. Due ragazzi hanno insistito per passare a tutti i costi e hanno preso a pugni un agente

LIDO. Un agente è stato preso a pugni mentre deviava il traffico sul lungomare Marconi al Lido. Il bilancio è di una prognosi di qualche giorno e di una denuncia per lesioni gravi ai danni di un 27enne, denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale insieme a un 17enne.

L’episodio risale a venerdì sera quando i due volevano attraversare a tutti i costi in monopattino un tratto di strada sbarrato dai lampeggianti di ambulanza e polizia locale, posti in attesa che il corpo senza vita di un 65enne stroncato da un malore fosse rimosso dalle pompe funebri. Alla vista della paletta dell’agente, gli animi si sono subito surriscaldati.


I due giovani hanno iniziato a protestare, pretendendo di passare accanto al luogo dell’incidente sul monopattino preso a noleggio.

Da lì è scattato il controllo dei documenti e dalle offese si è passati alle mani, con spintoni e un pugno alla mandibola.

L’agente preso di mira è stato poi accompagnato al Pronto soccorso, mentre per i due giovani è scattata la denuncia.



Il fatto è avvenuto sulle 19, circa un’ora dopo la morte di Roberto Romano, 65enne lidense, colto da un malore mentre era in bici all’altezza di via delle Sirene. L’uomo è crollato sull’asfalto, inutili sono stati i tentativi di soccorso da parte dei passanti e dei sanitari del 118, arrivati sul posto nel giro di pochi minuti.

A distanza di un’ora dall’incidente, il traffico lungo via Sandro Gallo e il lungomare Marconi è stato ripristinato.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi