Venezia pronta a riaprire i musei sabato 24 e domenica 25 aprile

L’annuncio del sindaco Brugnaro: «Se le norme nazionali lo consentiranno, con le dovute precauzioni. Sarebbe un importante segnale»

VENEZIA. «Noi siamo pronti ad aprire tutti i musei della città sabato e domenica 24 e 25 aprile». Lo ha affermato il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, intervenendo a “Focus Economia”, su Radio 24. «Riapriremo in modo scaglionato le attività anche i ristoranti», ha aggiunto, «ma iniziamo con i musei con le dovute precauzioni; ora siamo in arancione ma con i dati che vedo si può passare in giallo».

Quanto all'attività dei ristoratori, il sindaco ha precisato: «bisogna aprire le attività, non tutto ovviamente, però i ristoranti all’aperto sui plateatici, quelli si. Dove siamo pronti per poter aprire, apriremo Venezia. E sarebbe un segnale il 24 e 25 aprile. Vedremo se saremo accontentati. Eventualmente rinviamo di un’altra settimana, il primo e 2 maggio».


Buone notizie anche per i locali, messi in ginocchio dalla crisi. Il sindaco ha annunciato aperture in sicurezza e senza pagare canoni. «Considerato il prolungarsi dello stato d’emergenza sanitaria e l’avvicinarsi dell’estate, ritengo necessario consentire con facilità la somministrazione di alimenti e bevande all’aperto», ha detto il primo cittadino. «Quando si potrà riaprire, i proprietari di locali che hanno già presentato e ottenuto l’ampliamento dei plateatici nel 2020 non dovranno pagare alcun canone, né presentare nulla per il 2021».

I titoli autorizzatori sono automaticamente efficaci fino al termine dell'emergenza sanitaria. hi non ha presentato la richiesta lo potrà fare dal 19 aprile al 31 maggio. «È un modo per essere vicini a coloro che devono tenere chiuse le proprie attività», ha aggiunto l’assessore al Commercio. Sebastiano Costalonga.

La documentazione necessaria per fare richiesta è: nuova domanda di occupazione di suolo pubblico; “Scia” di ampliamento fino al 50% di plateatici già esistenti e“Scia” per l’installazione di piani di appoggio, per coloro che non avessero i requisiti necessari per ottenere i posti a sedere (bagno per il pubblico).

Tutti i pubblici esercizi che non abbiano già usufruito di questa possibilità nel 2020, potranno farlo inviando via pec all’indirizzo commercio@pec.comune.venezia.it e i moduli si possono scaricare dalla pagina “Proroga fino a fine emergenza sanitaria delle occupazioni suolo temporanee nel periodo di emergenza sanitaria da Covid”.

Le istanze verranno esaminate dagli uffici secondo delibera di giunta comunale numero 135/2020 del 15 maggio. —


 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi