Contenuto riservato agli abbonati

Vaccini finiti in tutto il Veneziano, lo stop è anticipato. Ecco quando arrivano le nuove dosi

La penuria di dosi ha costretto l’Usl 3 a cambiare il programma. Anche l'Usl 4 conferma: "Garantite solo le seconde dosi e le iniezioni ai fragili"

VENEZIA. Vaccinazioni: la penuria di dosi ha costretto l’Usl 3 a cambiare il crono programma. lUNEDì 12 APRILE  avrebbe dovuto essere una giornata di iniezioni nel territorio dell’Usl 3, prima dello stop forzato di domani e dopodomani, dovuto all’esaurimento delle dosi.

Invece lo stop inizierà proprio il 12 aprile con la chiusura dei grandi centri vaccinali (a Marghera, Venezia, Chioggia, Dolo, Mirano e Cavarzere) e si lavorerà esclusivamente negli ospedali, per i richiami, privilegiando le persone più fragili, a cui sono riservate le dosi di Pfizer.

Per questi casi l’Usl ha messo a disposizione per lunedì circa 700 dosi, cifra certo non comparabile all’annunciata potenza di fuoco di 6 mila vaccinazioni ogni ventiquattr’ore nel solo territorio dell’azienda Serenissima. Domenica, tanto per capire l’andamento della campagna vaccinale sono state inoculate appena 1.500 dosi ad anziani e fragili.


Mercoledì, intanto, è atteso il nuovo contingente di vaccini Pfizer (16.700 dosi) e di AstraZeneca (1.700) e allora, dal giorno successivo, riprenderanno le iniezioni, anche al Pala Expo di Marghera, il centro vaccinale più grande della regione.

Sempre da giovedì si potrà ragionare sulla eventuale riapertura degli slot vaccinali nel sito della Regione. I duemila aperti questa settimana sono andati a ruba tra gli ultra ottantenni e, residualmente, tra fragili e disabili gravi.

Da martedì 13 proseguiranno dunque quindi le sole vaccinazioni da parte dei medici di medicina generale, ai quali è riservata la fascia anagrafica tra i 70 e i 79 anni. Sempre la settimana prossima arriverà all’ospedale dell’Angelo un microrifornimento da 14mila dosi monouso di Johnson & Johnson. Saranno le prime ad atterrare in Veneto.

L’ospedale di Mestre fungerà ancora una volta da centro vaccinale per tutta la regione e le dosi andranno distribuite tra le diverse aziende sanitarie, che le destineranno esclusivamente ad anziani e fragili.

Intanto lunedì 12 non sono previste vaccinazioni neppure nell’Usl 4 del Veneto orientale. Il motivo rimane sempre lo stesso: la carenza di dosi anti Covid, che sta ritardando la macchina in tutta la regione. Mentre domani, soltanto a Jesolo, sarà la volta delle seconde dosi per i richiami degli anziani. Mercoledì, ancora, niente vaccinazioni e giovedì si procederà con le seconde dosi per gli anziani a San Donà e a Portogruaro, con la somministrazione riservata alle classi 1942 - 1951. Tutto potrebbe cambiare ancora se arriveranno altre dosi. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi