Infarto per l’ex primario di Psichiatria dell’Usl 4 In rianimazione, è grave

le condizioni

Grande apprensione nell’Usl 6 padovana per le condizioni disperate di Gianfranco Bonfante, direttore della struttura complessa di Salute mentale. Il medico, 57 anni, originario di Legnago (Verona) è stato colto da infarto una settimana fa. Al momento è ricoverato in Rianimazione a Verona e il quadro clinico è in costante peggioramento: all’infarto cardiaco è seguita un’emorragia cerebrale.


Professionista e dirigente molto stimato, Bonfante è a Padova dall’ottobre 2018. Era arrivato per guidare il servizio psichiatrico di diagnosi e cura dell’Ospedale Sant’Antonio, i Centri ambulatoriali di Salute mentale e tutte le attività territoriali connesse dell’Usl 6. Con il nuovo assetto della sanità veneta, Bonfante è stato confermato direttore del Dipartimento di salute mentale dell’Euganea.

Il 57enne veronese è uomo di grande esperienza: nel 2016 aveva già diretto l’Uoc di Psichiatria dell’Usl 10 di San Donà di Piave (oggi Usl 4), dopo ben 23 anni passati all’interno della stessa azienda sanitaria, sempre con ruolo dirigenziali.

Laureato all’Università di Bologna in Medicina e Chirurgia con il massimo dei voti, Bonfante è stato anche ufficiale medico nel corpo sanitario dell’Esercito Italiano e ha operato sempre in ambito psichiatrico all’ex Usl dell’Ovest vicentino.

Sono moltissime le persone che in queste ore stanno facendo sentire il loro incoraggiamento al 57enne: dai colleghi di lavoro alle strutture e alle associazioni con cui Bonfante ha collaborato in questi anni, passando anche per l’ex vicepresidente regionale Gianluca Forcolin. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi