Video choc con pistole, denunciati due studenti di Mira

Le accuse: procurato allarme e istigazione a delinquere. Nei guai anche un minorenne. Loro si difendono: «Solo un gioco». A firmare il video “Fratelli Veri”, con il coinvolgimento di una quindicina di ragazzi di Mira quasi tutti sotto i 16 anni, alcuni già noti alle forze dell’ordine, è stato Santared, nome d’arte di un ventenne di Pordenone

MIRA. Video musicale choc con l’esibizione di pistole da parte di ragazzi, alcuni giovanissimi, girato in piazza San Nicolò a Mira. Sono scattate la mattina di Pasqua le perquisizioni da parte dei carabinieri della tenenza di Mira nelle case di due ragazzi che sono protagonisti del video trap e, per gli investigatori, pure autori del filmato. Si tratta di due studenti di Mira, un minorenne e un maggiorenne.

Entrambi sono stati denunciati in stato di libertà per procurato allarme e istigazione a delinquere. A firmare il video “Fratelli Veri”, con il coinvolgimento di una quindicina di ragazzi di Mira quasi tutti sotto i 16 anni, alcuni già noti alle forze dell’ordine, è stato Santared, nome d’arte di un ventenne di Pordenone.

Il video, pubblicato su YouTube il 1° aprile, ha già avuto oltre 5.500 visualizzazioni e molti commenti negativi, destando preoccupazione per il suo contenuto anche tra i cittadini e le autorità. Nel filmato i ragazzi per la maggior parte sono senza mascherine e parlano di degrado sociale e problemi in cui i nemici sono le forze dell’ordine e chi va a Mira a imporre loro qualcosa.

I due protagonisti, secondo i carabinieri, inneggiano chiaramente alla violenza ed alla commissione di reati, tenendo in mano delle pistole. I militari dell’Arma, dopo aver visionato il video ed effettuato accertamenti, sono riusciti ad identificare nel giro di poche ore il duo dalle armi in pugno. La mattina di Pasqua sono scattate le perquisizioni nelle abitazioni dove i due giovani abitano con le rispettive famiglie. Di fronte agli occhi allibiti dei genitori, le case sono state scandagliate alla ricerca delle pistole utilizzate nelle immagini messe in rete. Nell’abitazione di uno dei due è stata trovata una pistola a salve con il tappo non più rosso, come disciplinato dalla normativa per questa tipologia di armi di libera vendita. Il tappo era infatti stato annerito artigianalmente, probabilmente per rendere più realistiche le scene del video musicale. È stata rinvenuta anche una cartuccia a salve compatibile con l’arma. Quando i carabinieri hanno fatto visita ai ragazzi, i due si sono giustificati dicendo che il loro era solo un modo per promuovere il video e che era evidente come le pistole fossero giocattoli.

I militari dell’Arma di Mira, guidati dal comandante Massimo Andreozzi, hanno così identificato e denunciato i due studenti. Le accuse a loro carico sono al momento di procurato allarme e istigazione a delinquere. La pistola giocattolo di cui era in possesso uno dei due protagonisti e che era stata sfoggiata durante le riprese del video musicale, girato qualche settimana fa in pieno giorno in piazza San Nicolò, è stata posta sotto sequestro. Gli accertamenti sul caso sono destinati a proseguire nei prossimi giorni. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi