Vaccini, a Sant'Erasmo arriva l'ambulatorio galleggiante

I medici a Pasquetta useranno il vaporetto, ma Murano non è stata inclusa nel cronoprogramma e i residenti alzano la voce

SANT'ERASMO. Altri mille e duecento anziani vaccinati al Lido, terza tappa dopo Burano e Pellestrina della campagna di immunizzazione delle isole della laguna. Il prossimo step sarà l’ambulatorio galleggiante di Sant’Erasmo, in programma per un centinaio di anziani nel giorno di Pasquetta.

E accanto a chi esulta per aver ricevuto la somministrazione senza dover fare lunghi e faticosi spostamenti, c’è anche chi – come i residenti di Murano – ora chiede un eguale trattamento. Dopo le quattrocento somministrazioni tra Burano e Pellestrina dello scorso weekend, il 2 aprile si è conclusa anche la due giorni all’ex liceo Severi del Lido. La macchina organizzativa messa a punto da Usl 3 e Protezione Civile non ha fatto registrare ritardi né lunghe code.

«Entrati e usciti nel giro di 20 minuti», i commenti da parte degli anziani tra giovedì1 e venerdì 2 all’uscita della palestra allestita con le postazioni per anamnesi e vaccinazioni. «Qui al Lido, che ha una popolazione molto numerosa», ha spiegato il dg Edgardo Contato, in sopralluogo, «non è stato possibile, ovviamente, vaccinare tutti gli over 80, come invece abbiamo fatto a Pellestrina e a Burano; ci ripromettiamo però di ripetere queste giornate di disponibilità straordinaria anche nelle prossime settimane, offrendo così un’altra occasione alla cittadinanza del Lido».


Oltre che per evitare gli spostamenti agli anziani, la scelta di arrivare nelle isole (Burano, Pellestrina e Lido) è stata voluta anche per evitare di sovraccaricare l’hub di piazzale Roma.

E sempre per lo stesso motivo, lunedì 5 saranno vaccinati un centinaio di anziani di Sant’Erasmo e delle Vignole. Con una curiosità: per la prima volta si sperimenterà un ambulatorio galleggiante a bordo di un battello Actv, come richiesto dal Comune di Venezia, e attrezzato dall’Usl 3.

«È prioritario raggiungere con la vaccinazione quante più persone possibili nel minor tempo possibile», spiega l’assessore Simone Venturini. Fino ad ora è rimasta però fuori da qualsiasi ragionamento l’isola di Murano. Il motivo, come hanno spiegato più volte i responsabili dell’Usl 3, è legato alla vicinanza con l’ospedale Civile collegato con i battelli Actv. «Ma parliamo comunque di una popolazione molto anziana, che difficilmente si sposta dall’isola», replica la consigliera comunale Sara Visman (M5S). —




 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi