Contenuto riservato agli abbonati

Seconde case, controlli serrati sulle spiagge. Pasqua e Pasquetta a Jesolo, hotel e locali al setaccio

Più pattuglie su tutte le strade per il mare. Il sindaco di Jesolo: «Nessun accanimento ma le regole vanno rispettate»

JESOLO. Controlli scrupolosi sulle strade verso il mare, attesi molti ospiti soprattutto nelle seconde case e anche nei pochi alberghi aperti. La polizia locale di Jesolo aumenterà le pattuglie e gli orari dei controllo. Ma è su tutta la costa veneziana, da Bibione fino a Chioggia, che si annunciano controlli serrati delle forze di polizia.

C’è un dispositivo del questore in materia di sicurezza già diramato per la Pasqua e pasquetta in zona rossa, periodo in cui bisogna resistere e rispettare le restrizioni ancora in vigore per arginare i contagi sempre elevati. La visite nelle seconde case sono consentite, pur sempre all’interno della Regione e per il solo nucleo familiare convivente e quindi senza altre persone al seguito o invitati.


Potrebbe essere ipoteticamente consentito anche il trasferimento in uno dei pochi alberghi aperti in questo momento, la maggior parte al lido di Jesolo, purché non si tratti di una vacanza, ma di un soggiorno per motivi di salute o strettamente di lavoro o di una qualche emergenza.

Ma servono gli atti o certificati che comprovino le discutibili esigenze per venire in una località di mare o di vacanza in genere nella zona rossa. Anche se ci sono molte restrizioni in vigore per la Pasqua non mancheranno i movimenti verso il mare e le forze di polizia saranno tutte schierate. Come in ogni fine settimana.

«Saranno controlli attenti», ha detto il sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia, «non siamo qui per sanzionare tutti, ma ci sono regole e devono essere rispettate quindi avremo un maggior numero di pattuglie impiegati per i controlli sulle strade e lungo la spiaggia». Sono previsti controlli anche ai locali aperti dove è consentito il solo asporto, mantenendo alta l’attenzione sugli eventuali assembramenti davanti ai pubblici esercizi e lungo le strade. Niente feste o ritrovi, picnic o grigliate in giardino, magari con ospiti. Attività motoria solo nei pressi delle proprie abitazioni".

"Gli agenti saranno impiegati anche con squadre sulla spiaggia per monitorare costantemente l’arenile. E le pattuglie saranno disposte ai principali ingressi delle località turistiche. Anche l’entroterra è costantemente sotto controllo e nella vicina San Donà il comando della polizia locale e la caserma dei carabinieri sono in allerta. Controlli soprattutto nei parchi e le golene, anche qui niente feste o picnic. Massima attenzione agli assembramenti davanti ai pubblici esercizi e sulle strade e piazze cittadine. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi