Il Covid spegne il sorriso di Albano Furlan, storico presidente degli agricoltori Cia

Componente di spicco della direzione provinciale, regionale e dell'assemblea nazionale, è stato il paladino  dell'introduzione dell'agromeccanica e delle bonifiche

PORTOGRUARO. Il Covid si è portato via Albano Furlan, colonna del mondo agricolo del Veneto orientale. Aveva 80 anni. Carriera decennale, la sua: dall’Alleanza dei Contadini fino a Confcoltivatori e poi alla Cia Agricoltori Italiani Venezia, dove ha ricoperto per molti anni la carica di Presidente della zona del Portogruarese e poi di componente della Direzione provinciale e regionale e per alcuni mandati anche dell’Assemblea nazionale.

Albano è stato socio della Cooperativa I° Maggio di Concordia S. dove ha ricoperto anche il ruolo di Consigliere, Presidente della Cooperativa Agromeccanica S. Margherita di Portogruaro e per diversi anni è stato eletto nel Consiglio dell’allora Consorzio di Bonifica Veneto Orientale.

«Ci mancheranno – dichiara il presidente di Cia Venezia Paolo Quaggio, porgendo l’abbraccio della organizzazione alla famiglia – i suoi interventi e la sua amicizia». —


 

Frullato di fragole, carote e semi oleosi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi