Contenuto riservato agli abbonati

Cresce la paura nelle Terapie intensive veneziane

Aggiunte nuove postazioni all’Ospedale di Dolo e all’Angelo di Mestre. Si allarga il focolaio nel carcere femminile

VENEZIA. L’Usl 3 corre ai ripari contro l’aumento dei ricoveri e allarga il numero di posti letto a disposizione degli ospedali. Negli ultimi giorni, infatti, la presenza di pazienti nelle aree Covid è progressivamente aumentata e ora il numero totale dei ricoveri in area non critica è di 201, a cui si aggiungono 25 in Terapia intensiva.

Attualmente l’Ospedale di Dolo, identificato dalla regione come il Covid Hospital dell’Usl 3, ha aumentato il numero dei posti letto di Terapia Intensiva da 12 a 19; i posti letto di ricovero Covid in area non critica sono cresciuti da 108 a 133 (al momento, sono occupati 103 letti).

Per farlo, è stato necessario riconvertire un’area della Geriatria di 25 posti letto, per rimetterla a disposizione dei pazienti Covid. All’ospedale dell’Angelo di Mestre da ieri i posti letto di terapia intensiva sono passati da 24 a 30, dei quali presso l’Unità di terapia intensiva cardiologica e 4 nella Recovery room del gruppo operatorio. I posti letto di terapia sub-intensiva sono passati da 4 a 8; i posti letti ordinari presenti presso l’area Covid del secondo piano passano invece da 29 a 39.

L’ospedale di Venezia continua a ricoverare i pazienti Covid nel reparto di Malattie Infettive del Civile, e in caso di necessità fa riferimento all’ospedale dell’Angelo. Ad oggi, mercoledì, gli ospedali di Mirano e Chioggia sono Covid free quanto a posti letto occupati in terapia intensiva.

Nel frattempo, il contagio continua a correre. Il focolaio divampato la scorsa settimana nel carcere femminile della Giudecca ha ora coinvolto sei detenute e sedici agenti di polizia penitenziaria. Lunedì dovevano iniziare le vaccinazioni al personale della struttura ma è stato tutto bloccato: sia a causa degli isolamenti fiduciari imposti, sia per lo stop precauzionale al vaccino di AstraZeneca.

Nelle ultime 24 ore, poi, in base al quotidiano bollettino di Azienda Zero nel Veneziano si sono registrati 261 nuovi casi. Ora il numero degli attualmente positivi è salito a 6. 369. Cresce anche il numero delle vittime dall’inizio della pandemia.

Mercoledì i nuovi decessi sono stati 2, per un totale di 1. 753 veneziani morti per le conseguenze del virus. Come detto, è in costante aumento la pressione sugli ospedali. Oltre ai 103 ricoveri in area non critica, a Dolo sono 16 i posti letto occupati in Intensiva. Sono 31 a Mestre (1 in terapia intensiva), 4 a Venezia, e 41 all’ospedale di Jesolo. La situazione è, comunque, in continua evoluzione. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi