La Casa dei Tre Oci all'americano Berggruen Institute

La Fondazione di Venezia firma il preliminare di vendita con il gruppo californiamo. Niente albergo, ma attività culturali di respiro internazionale e mostre di fotografia, arte e architettura 

VENEZIA. La Casa  dei Tre Oci va al gruppo americano Berggruen Institute,organismo indipendente e no-profit, attivo sui temi delle politiche internazionali e delle sfide globali del XXI secolo, ideato e presieduto dal filantropo e intellettuale Nicolas Berggruen il quale, tra l’altro, ha fondato il Museum Berggruen a Berlino nonché il 21st Century Council for the Future of Europe.

Fondazione di Venezia ha proceduto alla sottoscrizione del contratto preliminare di vendita.

"L’acquisto" informa in una nota ufficiale la fondazione stessa, "è finalizzato alla realizzazione di un progetto di levatura culturale internazionale interamente coerente con gli scopi istituzionali della Fondazione di Venezia e con il valore storico, culturale ed architettonico della dimora".

L’accordo raggiunto prevede che la Casa dei Tre Oci ospiti la prima sede europea del Berggruen Institute, dedicata all’organizzazione di simposi, vertici, workshops e convegni destinati ad accogliere ospiti, studiosi e policy makers di calibro internazionale. Niente hotel di lusso, come si teneva, ma continuazione dell'attività culturale.

L’immobile sarà destinato all’organizzazione e alla sponsorizzazione di mostre legate alla fotografia, all’arte e all’architettura, anche in co-operazione con grandi musei ed enti internazionali quali il Museum Berggruen, la Tate, il J. Paul Getty Trust, il MOMA, il LACMA, l’Asia Society, la Fondation Beyeler.

"Il progetto", aggiunge la Fondazione di Venezia, "consentirà, dunque, di mantenere e accrescere il ruolo chiave della Casa dei Tre Oci al centro del tessuto culturale di Venezia, in coerenza con la missione della Fondazione di Venezia, garantendo la migliore valorizzazione dell’intervento di restauro operato dalla stessa fondazione".

 La fondazione potrà utilizzare la Casa per ulteriori due anni, per la realizzazione di iniziative culturali da svolgere anche in cooperazione con il Berggruen Istitute, in continuità con i fini di promozione culturale e artistica condivisi tra i due enti.

“Con questo atto", sottolinea il presidente della Fondazione di Venezia, Michele Bugliesi , "confermiamo la ferma determinazione della Fondazione nel voler preservare il valore e il ruolo culturalmente strategico di questa dimora unica al mondo. Grazie alla collaborazione tra la nostra Fondazione e il Berggruen Institute, nei prossimi due anni e oltre, la Casa dei Tre Oci continuerà ad essere fulcro di un costruttivo dibattito artistico e culturale di levatura internazionale. Ringrazio Nicolas Berggruen, presidente del Berggruen Institute, per la consonanza di vedute che ha accompagnato l’interlocuzione di questi mesi e per la sua capacità di visione nei confronti della città di Venezia. Affidiamo la Casa dei Tre Oci a una istituzione prestigiosa, e a una persona di grande spessore: sono certo che questo atto costituirà l’inizio di una nuova e proficua collaborazione anche con tutte le istituzioni cittadine, attraverso la quale porre al centro di ogni interesse e di ogni azione Venezia e la sua comunità”.

 

Fondato nel 2010 con l’obiettivo di sviluppare idee per ridare slancio ad istituzioni politiche e sociali in un’era caratterizzata da grandi trasformazioni, il Berggruen Institute opera a oggi a Los Angeles nel Campus di UCLA e a Pechino presso Peking University, coinvolgendo scienziati e grandi personalità della cultura, del pensiero e della politica per sviluppare e promuovere risposte a lungo termine in relazione alle grandi sfide del XXI secolo. Co-fondatore e presidente del Berggruen Institute è il filantropo e miliardario americano Nicolas Berggruen, nato a Parigi nel 1961.


 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi