Contenuto riservato agli abbonati

A Venezia e in provincia record di aperture di aziende di cinesi

Su 57 aziende aperte da cittadini stranieri durante la pandemia ben 42 sono di persone provenienti dalla Cina

Il fenomeno

Tra gli stranieri che più di altri hanno aperto partite Iva a Venezia e provincia, i cinesi la fanno da padrone. Su 57 attività aperte da stranieri da marzo a fine dicembre 2020, ben 42 sono di cittadini cinesi o originari della Cina ma nati in Italia. Questo acquisire, fanno notare alla Guardia di Finanza, non è un fenomeno che riguarda solo Venezia. Anche se qui si nota maggiormente perché le attività sono concentrate come in poche altre realtà. Noi vediamo solo la punta di un iceberg.

Dopo Francia e Germania, la Cina è il Paese dal quale importiamo maggiormente prodotti di ogni genere. Se da una parte noi comperiamo più di quanto esportiamo nel paese asiatico – il valore di quanto importiamo è quasi il doppio delle esportazioni – la verità è che i cinesi dagli italiani comprano assai ma soprattutto quello che a loro interessa, nell’ottica di una strategia di espansione in Europa e nel Mediterraneo.

Dal calcio (Inter e Milan) alle quote in gruppi strategici, la Cina è dall’inizio del 2014 sempre più presente nell’industria italiana. Fca, Telecom Italia, Enel, Generali e Terna sono solo alcune delle realtà industriali italiane dove le aziende cinesi hanno una partecipazione. Quindi, la presenza sul territorio è solo un aspetto di questa espansione, che gli analisti del ministero dello Sviluppo economico hanno definito “studiata a tavolino dal Partito comunista cinese”.

Tornando al territorio veneziano, delle 890 attività intestate a cinesi presenti in provincia di Venezia, 819 hanno sede tra Mestre e centro storico.

Se una piccola parte di queste sono laboratori di confezione e di pelletterie le altre riguardano il settore commercio legato al turismo. In particolare delle 816 attività veneziane 427 riguardano ristoranti, pizzerie e alberghi.

Infine delle 42 imprese aperte in otto mesi tra marzo e dicembre, 20 sono ristoranti o pizzerie. Tra chi ha aperto, va sottolineato che ci sono parecchie persone che già avevano attività poi chiuse. Si tratta di prestanome e con reati specifici in materia fiscale e fallimentari. —




© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi