Contenuto riservato agli abbonati

“Croissant day” e cappuccini per rianimare il lido di Jesolo ovest

La protesta pacifica dei residenti e degli operatori della zona dove ci sono pochi locali aperti. Il presidente del comitato Dal Cin: «Qui non c’è nemmeno un bancomat»

JESOLO, Per rianimare il lido Ovest di Jesolo, ieri è stata celebrato a sorpresa il “Croissant Day” alla Corte dei Baroni. Ma il comitato di zona invoca più attenzione in questa parte del litorale che pare dimenticata. Neppure quest’estate ci saranno banche o sportelli automatici per l’erogazione del denaro, disagio che è stato segnalato in passato e che non ha trovato risposte.

Di fatto, da piazza Mazzini fino a piazza Nember, circa 3 chilometri di litorale, non ci saranno sportelli bancomat o tanto meno filiali di qualche istituto. E in questo periodo dell’anno, inoltre, scarseggiano anche i locali aperti. In questa desolazione si è inserita la festa di ieri mattina nel locale vicino a piazza Marina che è stata un successo.


Tanti clienti affezionati sono accorsi e altri si sono aggiunti per i croissants che i gestori hanno regalato a chi si è bevuto il caffè della mattina. A volte basta molto poco per rianimare un quartiere, una zona, un tratto di spiaggia. Il titolare della Corte dei Baroni, assieme alla moglie Barbara Costantini, è Roberto Dal Cin, il quale è anche il presidente del comitato Lido Ovest che sta cercando di risollevare le sorti di questa zona di Jesolo lido. A Natale ha realizzato il presepe che è diventato meta di tante famiglie, bambini, devoti. Ma tutta questa zona di Jesolo deve reagire. «Il problema persiste da diverso tempo», dice Dal Cin, «e lo segnalano soprattutto i turisti, ma anche i residenti. Da piazza Mazzini fino a noi non c’è una filiale, uno sportello di una qualche banca. E non ci sono neppure gli sportelli automatici di qualche filiale o uno della catena Atm che ha magari dei costi di commissione, ma sarebbe pur sempre un servizio. Non solo, prosegue il presidente, «al Lido Ovest, che è il nome del comitato e allo stesso tempo della zona del litorale in questione, dove mancano pubblici esercizi aperti. Non possiamo parlare sempre di allungamento stagionale, quando non abbiamo locali. Domenica era già piena di pendolari e turisti, ma in questo tratto di litorale non c’erano locali aperti a sufficienza. E non è certo un bel segnale per chi arriva al lido di Jesolo e cerca l’energia e la vita». —

Giovanni Cagnassi

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi