Contenuto riservato agli abbonati

Vigili, vicecomandante insultato e poi aggredito da un automobilista a Fossalta di Portogruaro

Un intervento dei vigili

FOSSALTA DI PORTOGRUARO. Insultato e poi raggiunto da diversi colpi in più punti del corpo: brutta avventura sabato sera per il vicecomandante della Polizia locale Venezia Est, Matteo Cusan, che ha dovuto raggiungere il pronto soccorso di Portogruaro, per farsi medicare dopo la colluttazione con un automobilista di 60 anni di Fossalta, accusato di avere insultato lui e il suo collega. L’uomo verrà denunciato all’autorità giudiziaria di Pordenone e gli verranno contestate una o più violazioni al Codice della Strada.

È sabato pomeriggio quando il vicecomandante e il collega stanno eseguendo normali controlli stradali tra Bibione e San Michele al Tagliamento. Nel momento in cui stavano per avvicinarsi a un bar gli agenti sono stati raggiunti all’improvviso da epiteti molto irriguardosi. Provenivano da una strada centrale di San Michele e a profferirli era un automobilista.


Cusan e il collega si sono intesi subito e hanno deciso di porsi all’inseguimento del guidatore. Questi nonostante gli fosse stato più volte intimato l’alt, ha proseguito la sua marcia. A un certo punto, con una manovra imparata in continui corsi di addestramento, la pattuglia della lolizia locale sanmichelina è riuscita a bloccare la vettura, ormai raggiunto il territorio comunale di Fossalta di Portogruaro. L’automobilista è sceso ed è avvenuta una colluttazione.

La pattuglia si è diretta verso il Pronto soccorso di Portogruaro, dove ad attendere Cusan c’erano degli infermieri.

Il vicecomandante è stato medicato e poi dimesso con una prognosi di alcuni giorni. —


 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi