Contenuto riservato agli abbonati

Muore a 95 anni nonna Rosina, gestì il ristorante “Al monte” a Chioggia

Rosa Martini

L’anziana era molto conosciuta a San’Anna e Sottomarina dove aveva lavorato con la figlia. Il 21 gennaio il ricovero e poi il trasferimento a Dolo

CHIOGGIA. Campane a lutto ieri alle 12 per la scomparsa di Rosa Martini, la “nonnina” di Valli, amata e conosciuta anche a Sant’Anna e Sottomarina dove ha lavorato per anni accanto alla figlia Antonella.

Rosa Martini, 95 anni, era ricoverata da una ventina di giorni per problemi respiratori, ma durante la degenza ha contratto anche il Covid che ha complicato un quadro clinico già critico a causa dell’età avanzata.


Nonna Rosina abitava a Valli dal 1984, ma era originaria di Crocetta del Montello (Treviso) dove aveva lavorato per anni nel canapificio. Si era poi trasferita a Padova e dopo essere rimasta vedova si era stabilita a Valli, prima nella palazzina dove oggi si trova la farmacia e da una dozzina d’anni nel quartiere residenziale vicino alle scuole, in un appartamento assieme al figlio Ermes.

A Valli era conosciuta da tutti, chi passava per via Artemisia d’estate si fermava davanti al terrazzo, dove sedeva a prendere un po d’aria, per darle un saluto. Saluto che lei ricambiava sempre, accompagnato da un sorriso. La conoscevano grandi e piccini e per tutti era nonna Rosina.

Per anni aveva aiutato la figlia e il marito nel ristorante Al monte che gestivano a Sant’Anna e all’albergo Playa di Sottomarina lasciando un bel ricordo anche nelle due comunità. A casa, da qualche tempo, era assistita dai figli e dalle badanti.

Il ricovero era arrivato la sera del 21 gennaio perché i figli si era spaventati : l’anziana, infatti, si sta per soffocare e così avevano subito chiamato i sanitari.

Rosa Martini era stata ricoverata in Geriatria all’ospedale di Chioggia e aveva risposto bene alle cure. Il quadro si è complicato quando ha contratto il Covid per il quale è stata trasferita a Dolo, in Medicina.

«Ci rimane il grande dispiacere di non averle potuto dire addio - raccontano i figli Antonella e Ermes Bonetto - la mamma è stata il nostro punto di riferimento, è stata amata e benvoluta da tutti. Ringraziamo medici e operatori per come l’hanno assistita fino alla fine».

I funerali saranno celebrati nella chiesa di Valli, venerdì alle 10, ma le ceneri saranno trasferite nel cimitero di Crocetta del Montello, accanto al marito. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Polpette di cavolfiore con curcuma, uvetta e anacardi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi