In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ocean, a Marghera solo le navi più piccole

1 minuto di lettura

La Ocean Alliance conferma la sua presenza a Trieste per il 2021 e rinuncia per il secondo anno di seguito ai traffici diretti sul porto di Venezia. L'asse dello shipping costituito dai colossi Cosco, Cma Cgm, Oocl ed Evergreen continuerà a fare scalo al Molo VII, rinunciando al ritorno a Marghera, a causa dei bassi fondali. Il nodo è di rilievo per l'evoluzione dei traffici in Nord Adriatico, perché la Ocean Alliance preferisce Venezia a Trieste, per limitare la presenza sulla banchina gestita da Msc, che assieme a Maersk anima la rivale 2M Alliance. Il consorzio armatoriale ha definito la programmazione delle proprie linee per il trasporto container nel 2021. Trieste rimane inserita nella Via della seta commerciale, nell'ambito della tratta Aem6, che collega l'Alto adriatico al Far East attraverso il canale di Suez. Gli altri porti italiani coinvolti dalla Ocean Alliance sono Genova e La Spezia, interessate da collegamenti fra Asia, Mediterraneo e Stati Uniti. Rimane esclusa Venezia. Nel 2021 la Ocean Alliance movimenterà sulle sue rotte 333 navi, con una capacità di stiva complessiva da oltre 4 milioni di Teu. Pesa il pescaggio limitato del canale Malamocco-Marghera: a Venezia la Ocean manderà allora soltanto le sue navi più piccole (feeder). —



I commenti dei lettori