L’Ascom chiede aiuto ai sindaci «Pronti a garantire i prestiti»

Appello per un impegno forte anche ai candidati dei Comuni che andranno al voto Federica Boscaro risponde con l’impegno ad accantonare somme per i mutui 

MIRA

«I Comuni della Riviera del Brenta aiutino il commercio in difficoltà. Come minimo un negozio su 4 rischia la chiusura a causa di questa crisi. Per questo chiediamo in vista delle tornata elettorale di primavera, dove saranno chiamati alle urne i cittadini di Campolongo Maggiore, Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò e Vigonovo, un impegno forte in termini di contributi e sistemi facilitati di accesso al credito». Questa la richiesta di Alessandro Biasiolo, avvocato e coordinatore dell’Ascom– Confcommercio della Riviera del Brenta. Dalla presidente della Conferenza dei sindaci Federica Boscaro arriva un’apertura alla richiesta: i sindaci sono pronti ad accantonare un fondo da utilizzare come garanzia per i prestiti ai commerciantiche si trovano indifficoltà.


«Le nostre stime più ottimistiche ci dicono», spiega Biasiolo, «che nel comprensorio un’impresa su 4 è a rischio chiusura. Abbiamo incontrato i sindaci della Riviera per proporre l’iniziativa “I comuni sostengono le imprese”. Chiediamo ai primi cittadini attuali e futuri di inserire nei loro programmi elettorali iniziative a sostegno del commercio. Puntiamo a contributi per consentire alle imprese finanziamenti a tassi agevolati garantiti dai Confidi come della marca trevigiana e del Miranese. Per ripartire senza l’acqua alla gola. I sindaci della Riviera diano un aiuto concreto ai commercianti».

«Siamo pronti ad accogliere», spiega la presidente della conferenza dei sindaci Federica Boscaro, «la richiesta dell’associazione dei commercianti. Pensiamo a degli accantonamenti dai bilanci di somme da mettere come garanzia per far ottenere alle imprese mutui a tassi agevolati ». Il Comune di Dolo con il sindaco pro tempore Gianluigi Naletto ha annullato anche per le attività commerciali l’aumento della tassa dei rifiuti tarip. «Grazie all’uso di fondi specifici», dice Naletto, «abbiamo annullato l’aumento previsto della tassa sui rifiuti ai cittadini e ai commercianti in aumento per il 2021 del 6,6%. Abbiamo permesso l’ampliamento gratuito dei plateatici, abbiamo reso gratuite in certo periodi le strisce blu del centro a ridosso delle attività commerciali. In questi mesi siamo sempre stati a contatto con i commercianti che rappresentano con i loro negozi di vicinato oltre ad attività economiche anche luoghi di aggregazione da preservare».

Il comune di Mira con il distretto del commercio si è fatto fautore invece della pubblicazione su un portale on line delle attività commerciali del capoluogo e frazioni, visto il periodi di restrizioni alla mobilità che si sta vivendo. Sulla stessa linea anche il sindaco grillino di Vigonovo Andrea Danieletto. «Abbiamo cercato in tutti i modi a nostra disposizione», dice. «di aiutare i commercianti del capoluogo ma anche di Galta e Tombelle, eliminando ad esempio anche la tassa sulle pubblicità e affissioni». —



Video del giorno

Le prove del Rigoletto alla Fenice, in scena dal 29 settembre

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi