Contenuto riservato agli abbonati

Covid hospital di Jesolo, sezione chiusa: meno letti di Terapia intensiva

Nell’Usl 4 il contagio rallenta e il tasso di mortalità al 22% è il più basso in Veneto. Il personale rientrerà nel proprio reparto di Pediatria a Portogruaro

JESOLO. Stop ai nuovi vaccini, ma nel frattempo chiuderà una sezione del Covid hospital. Anche l’Usl 4 deve fare i conti con il blocco della fornitura dei vaccini Pfizer e per il momento può garantire solo le dosi accantonate nominalmente per i richiami iniziati ieri a Jesolo.

Il direttore generale, Carlo Bramezza, ritiene comunque sia possibile rispettare il piano programmato per le vaccinazioni, anche se al momento non ci sono garanzie sui tempi. Quindi, terminato a breve il personale sanitario poi gli ospiti nelle case di riposto, sarà la volta delle categorie e rischio e infine gli anziani over 80. La fornitura è stata tagliata del 50%, poi del 20 per l’Usl del Veneto orientale.

Ogni giorno ci sono aggiornamenti in merito all’approvvigionamento, anche perché dovranno arrivare entro fine mese anche i nuovi vaccini AstraZeneca e Moderna, tutti comunque con la necessità di un richiamo. Finora i vaccinati non hanno avuto reazioni avverse al vaccino ed è stato superato l’80% delle vaccinazioni per i sanitari, gli anziani nelle case di riposto, al 97% e anche il personale con un’adesione di oltre il 75%. Quasi tutti vaccinati anche i medici di base.

Soddisfatto Bramezza: «A oggi la situazione è in netto miglioramento», ha spiegato. «Rileviamo un sensibile alleggerimento dei contagi e con essi si stanno riducendo il numero generale dei tamponi effettuati e il numero dei ricoveri ospedalieri al Covid hospital, sia in area malattie infettive che in Terapia intensiva. Su questo fronte vi annuncio che mercoledì (oggi, ndr) chiuderà la sezione “Covid 4” all’ospedale di Jesolo e il personale qui impegnato potrà rientrare nella Pediatria di Portogruaro, dov’erano stati sospesi i ricoveri».

La direzione generale ha chiesto alla Regione anche la possibilità di ridurre i posti letto di Terapia intensiva sempre a Jesolo, da 16 a 12, per far rientrare personale medico e infermieristico negli ospedali di San Donà e Portogruaro. Con la contrazione dei contagi, da martedì sono infatti aumentati gli interventi chirurgici programmati negli ospedali di San Donà e Portogruaro.

Altro dato rilevante è la percentuale di mortalità per Covid che all’Usl 4 è al 22%, percentuale tra le più basse del Veneto: «Questo significa che in generale la pandemia è stata ben gestita», ha concluso Bramezza. «Ci auguriamo che questa curva al ribasso persista, nel frattempo ringrazio tutto il personale dell’Usl 4 per il lavoro svolto, così come è stato importante il lavoro di rete svolto sul territorio dai medici di famiglia, pediatri, farmacisti e anche dagli albergatori nel fornire gli alloggi al personale ed a persone positive». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi