Server in tilt nell’Usl Veneto Orientale, saltano i prelievi di sangue

Disagi e proteste per l’improvviso blocco informatico. La situazione è tornata alla normalità nella tarda mattinata

SAN DONA'. Server bloccati la mattina di ieri, 24 novembre,  all' Usl 4, in tilt l'intero sistema informatico dei tre ospedali del Veneto orientale collegati in rete. I disagi si sono presentati subito ai punti prelievi, come quello di San Donà, dove si è paralizzato tutto. I problemi nell'attesa si sono avvertiti subito all'apertura alle 8, quando le persone in coda sono state informate improvvisamente del guasto tecnico che impediva di iniziare i prelievi di sangue.

Nei Cup, centri unici per le prenotazioni, operatori fermi e impossibilitati a prenotare le visite o rinviarle. E' scoppiato il caos tra i pazienti nei tre ospedali. Il personale ha spiegato che si erano verificati dei problemi di connessione in rete che hanno bloccato anche gli esami del sangue costringendo gli utenti a rinviare senza una data precisa. Stessa situazione per le prenotazioni delle visite che sono state inizialmente sospese.

«Non riuscivamo a capire cosa fosse successo» hanno spiegato alcuni cittadini in coda per l'esame del sangue a San Donà, «la situazione è stata subito tesa perchè la gente in questo periodo si preoccupa subito e anche rinviare un esame diventa un problema. Il personale inizialmente ha cercato di spiegare cosa fosse accaduto, ma è difficile comprenderlo soprattutto per le persone anziane che non hanno dimestichezza con i termini tecnici o non capiscono i problemi relativi alle connessioni in rete. Fatto sta che poi sono arrivati altri operatori sanitari che hanno cercato di mantenere la situazione sotto controllo per evitare una protesta eccessiva e lo sfogo delle persone in coda. I problemi sono stati risolti circa 3 ore più tardi e molti hanno potuto comunque sottoporsi agli esami o le visite programmate. Altri se ne erano andati altrove. In questi casi, però, ci vorrebbe una linea di emergenza sempre pronta».

In un periodo già molto difficile per l'emergenza Covid, la notizia è stata accolta, almeno all'inizio, con grande disappunto e tensione. Sembra che nella notte un guasto ai sistemi informatici aziendali e in particolare alla rete internet abbia determinato la mancanza di connessione alla rete che è necessaria per il controllo degli esami, le prenotazioni e tutti gli aspetti organizzativi. I tecnici hanno interpellato anche i gestori di telefonia. L' azienda ha diramato dunque una comunicazione ufficiale, scusandosi per il disagio con gli utenti. Le linee sono state tuttavia ripristinate verso le 11 del mattino, ponendo fine ai disagi per utenti e operatori. —


 

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi