Rizzante sta già raccogliendo le prime prenotazioni

JESOLO

Ha già ricevute le prime telefonate di contagiati asintomatici che cercano una sistemazione per non contagiare famiglie, bambini, anziani. L'albergatore di Jesolo, Matteo Rizzante, ha messo a disposizione due strutture del suo gruppo, l'hotel Lucciola con 26 stanze e il residence Progresso con 12 appartamentini, entrambi al quinto accesso al mare di via Dante. Il problema è che ancora non ha ricevuto comuicazioni ufficiali dalla Regione o dall'Usl 4, tanto meno su eventuali pagamenti che potrebbero avvenire attraverso la protezione civile. «Siamo ancora in attesa» spiega Rizzante, «e infatti non possiamo ancora ospitare, nonostante le strutture siano pronte, già pulite e igienizzate. Noi le abbiamo messe a disposizione ancora in estate, quando ci è stato chiesto espressamente in vista di una futura nuova ondata di contagi. Così, nei giorni scorsi, abbiamo saputo dai giornali che eravamo nella lista presa in considerazione dalla Regione a suo tempo. Ora chiediamo solo di essere contattati» aggiunge, «anche perchè al momento non sappiamo cosa rispondere a chi ci ha chiesto informazioni in merito, persone contagiate asintomatiche che non vorrebbero restare a casa dove rischiano di contagiare altri membri della famiglia. Siamo qui per dare una mano e ci crediamo, senza alcuna polemica. Solo, vorremmo avere qualche comunicazione scritta anche su come comportarci in questa prima fase».


Rizzante e la sua famiglia si sono offerti anche per accogliere il personale sanitario, medici e infermieri del covid hospital di Jesolo che hanno bisogno di una stanza in appoggio vicino al nosocomio. «Per questo ci arrangeremo da soli», ricorda l'albergatore di Jesolo, «se le altre due strutture sono a disposizione dei positivi asintomatici e pauci sintomatici, metteremo a disposizione delle camere per i sanitari che non dovranno pagare nulla. Abbiamo la Terrazza Sorriso e anche l'Adlon che possono ospitarli e senza alcuna spesa per loro. Per questo c'è una nostra onlus, la Cej Onlus di Jesolo che ha anche una pagina Facebook, che sta raccogliendo dei fondi e donazioni da parte dei privati». —

Giovanni Cagnassi

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi