Morte coniugi Dazzan Assolto il pensionato che provocò il frontale

concordia sagittaria

Provocò un incidente mortale in preda a un blackout causato da un problema di salute, assolto perché il fatto non costituisce reato.


Un pensionato di 82 anni al volante di una Mercedes imboccò contromano a 100 all’ora la via Triestina, nei pressi del bar Lison, il 15 febbraio 2018, dopo aver attraversato il piazzale del bar e scavalcato le aree zebrate invece di impegnare l’incrocio.

Nello scontro frontale persero la vita i coniugi Sante Dazzan, 72 anni, e Luisa Vianello, 68, residenti a Concordia Sagittaria, che viaggiavano a bordo di una Fiat 600, che fu scaraventata dal violento impatto a una ventina di metri.

I familiari delle vittime sono stati risarciti integralmente dalla compagnia assicurativa. Alla guida della Mercedes che ha provocato l’incidente fatale c’era Rino Bellia, residente a Scorzè. Ieri è stato assolto dal gup Giorgio Cozzarini perché il fatto non costituisce reato dall’accusa di omicidio stradale aggravato.

Il collegio difensivo, composto dagli avvocati Alberto Fenos e Stefania Gobbato ha sostenuto in una memoria depositata al giudice che quando l’imputato ha compiuto la manovra era in preda a una crisi improvvisa che ha azzerato la sua coscienza e volontà, facendogli provocare inconsapevolmente l’incidente.

I legali si sono avvalsi di un consulente, il professor Sebastiano D’Anna, neurologo, il quale ha confermato che la patologia diagnosticata al pensionato «può produrre momenti improvvisi di totale appannamento e perdita di coscienza: il soggetto compie gesti automatici ma non riesce a controllarli o gestirli, nemmeno in presenza di una situazione di pericolo incombente». Fra l’altro solo cinque mesi prima la commissione medica, alla quale il pensionato aveva trasmesso l’intera documentazione medica sulla sua patologia, non aveva ritenuto la sua condizione di salute incompatibile con la guida. Il giudice ha pertanto scagionato il pensionato. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi