Ragazza in monopattino elettrico investita al Lido. Perde conoscenza ma il pirata (ubriaco) fugge

Grave incidente in Lungomare Marconi. La giovane ha perso conoscenza e si è fratturata una caviglia. L'investitore si è consegnato ai carabinieri nel pomeriggio: "Avevo bevuto e non mi sono accorto di nulla"

LIDO. Si è consegnato nel pomeriggio il pirata della strada che alle 2 del mattino di lunedì 10 agosto  ha investito al Lido di Venezia una ragazza che stava viaggiando  su un monopattino elettrico preso a noleggio
 
L’incidente è avvenuto in lungomare Marconi. L’uomo era a bordo di una Yaris e stava rincasando quando, per cause al vaglio della polizia di Stato intervenuta sul luogo dell’incidente, ha investito la ragazza.
 
L’auto ha colpito il fragile monopattino facendo volare la ragazza che ha battuto la testa, perdendo conoscenza per alcuni minuti.
 
L’investitore, che ha poi dichiarato di essere stato ubriaconon si è però fermato: non si è nemmeno accertato se la vittima dell’investimento fosse viva, nè tantomeno le ha prestato soccorso.
 
Subito aiutata da alcuni amici la ragazza è stata caricata su un’autolettiga ed è poi stata trasbordata su una lancia e portata all’ospedale civile di Venezia, dato che al Lido non esiste nemmeno un pronto soccorso.
 
La ragazza ha riportato un forte trauma cranico, varie contusioni e la frattura della caviglia.
 
L’uomo che l’ha investita e si è allontanato senza prestare soccorso si è consegnato nel pomeriggio ai carabinieri del Lido.
 
L’uomo  si è dimostrato collaborativo con i militari dell’Arma, affermando che non si sarebbe accorto dell’urto con la ragazza ed in preda alle sostanze alcoliche sarebbe tornato a casa come se nulla fosse. 
 
L’auto è stata sottoposta a sequestro e i militari dell’Arma stanno collaborando con la Polizia di Stato per il prosieguo delle indagini per meglio chiarire la dinamica. 
 
 
Riproduzione riservata

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi