Cambio ai vertici della sanità: all'Usl 3 ipotesi Bramezza per il dopo Dal Ben

Il dg della Serenissima: «No comment, continuo a lavorare». Potrebbe subentrargli il collega del Veneto orientale

VENEZIA. Con il direttore generale dell’Usl Serenissima, Giuseppe Dal Ben, in pole position per guidare l’Azienda Zero, la corsa alla sua successione per governare la sanità veneziana porta direttamente tra Piave e Lemene. Tra i favoriti alla guida di Dal Ben spunta infatti il nome dell’attuale direttore generale dell’Usl 4, Carlo Bramezza. Dal Veneto orientale a Venezia, il passo è breve. Bramezza è un “pupillo” di Zaia che lo aveva definito addirittura “il Mourinho” della sanità ai tempi in cui l’Inter svettava nelle classifiche internazionali.

Da buon trevigiano dei colli è arrivato nel Veneto orientale e ha rivoluzionato l’azienda pur con molte critiche e accuse. Non ultima, quella di partecipare a troppi eventi e feste di matrice leghista.


In realtà Bramezza era nato uomo di Bernini, di cui era considerato il delfino, poi dato per vicino a Sernagiotto o anche a Bottacin. È arrivato alla guida dell’Usl 10, oggi Usl 4, ormai 8 anni fa quando la sua esperienza era per lo più nelle case di riposo. E si è fatto rispettare.

Perché l’uomo è senza dubbio operativo, capace di circondarsi di dirigenti preparati e di assoluta fiducia. Ha subito snellito l’apparato e appoggiata l’idea di ospedale unico, poi modificata in ospedale nuovo, cara anche ai vertici leghisti. Tramontata l’ipotesi a causa delle lotte tra campanili, Bramezza ha subito iniziato a sviluppare il potenziamento dei tre ospedali con fare manageriale, testa bassa e via.

L’ultima prova è stata quella del Covid e lui, agganciato a Zaia, l’ha superata. Subito un Covid Hospital a Jesolo, case di riposo blindate, ospedali sigillati, macchinari per processare in casa i tamponi e contagi sotto controllo. Questa la tempra del direttore che ha anche un bel caratterino. Sorride, ma è pronto con la battuta tagliente ed è anche bene informato su tutto ciò che lo circonda. C’è chi dice che, oltre a Venezia e Mestre (Usl Serenissima) potrebbe andare anche a Verona. Puzzle che sarà composto dalla Regione a fine anno. Di sicuro per ora c’è solo che Domenico Mantoan, il potente direttore dell’area sanità e sociale del Veneto, lascerà Venezia per andare a dirigere Agenas, agenzia del ministero della Salute. E il suo posto potrebbe essere preso proprio da Dal Ben. Il direttore dell’Usl Serenissima, da parte sua, fa sapere di essere concentrato sul lavoro che, in questo periodo di coronavirus, continua a essere particolarmente faticoso. Quindi, per il momento, no comment da parte sua. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi