Compravendite di case in calo del 25 per cento

Venezia, secondo l’Ufficio studi di Tecnocasa anche nei prossimi mesi il mercato immobiliare subirà gli effetti della pandemia

VENEZIA. Il fermo delle attività causato dalla pandemia di coronavirus ha fatto sentire i suoi effetti sulle compravendite immobiliari: i primi tre mesi del 2020 si chiudono, secondo l’Ufficio studi Gruppo Tecnocasa, con un calo medio nazionale del 15,5% delle transazioni, che si portano a 117.047 a fronte del primo trimestre dell’anno scorso si era chiuso con un totale di 138.525 transazioni.

A Venezia è andata ancora peggio con una riduzione del 25,6% delle compravendite nel primo trimestre di quest’anno (che ha totalizzato 625 tansazioni davanti al notaio) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso che si era chiuso con 840 compravendite.


Sul risultato ha pesato il lockdown iniziato a marzo e proseguito nei mesi successivi con effetti sui volumi che si vedranno anche nel secondo trimestre dell’anno.

Tra le metropoli spiccano Napoli e Bari (-19,5%), Milano (-19,3%) e Genova (-19,2%). Il ribasso meno importante ha interessato Bologna che chiude con -6,4%.

Nei primi tre mesi del 2020 le compravendite che hanno interessato le agenzie del Gruppo Tecnocasa sono state per il 77% dei casi per l’acquisto della prima casa, per il 17,5% ad uso investimento e nel 5,5% per la casa vacanza. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, si registra un lieve aumento nella percentuale di acquisti di quattro locali (18, 1%) e cinque locali (6,1%), erano rispettivamente 17,6% e 5,4%.

La previsioni per i prossimi mesi dell’Ufficio studi delle agenzie immobiliari della rete di Tecnocasa è che «l’impatto Covid porterà ad un ridimensionamento dei volumi di circa 100 mila compravendite rispetto alla chiusura del 2019».

I prezzi nelle grandi città potrebbero volgere alla stabilità, ma ci aspettiamo ritocchi verso il basso per quelle realtà con un mercato immobiliare che difetta in termini di qualità e verso l’alto per immobili di buona qualità e con caratteristiche di pregio. Se si dovesse concretizzare il desiderio emerso durante la pandemia di case con spazi esterni potrebbe anche continuare la ripresa delle zone periferiche delle metropoli e dell’hinterland delle grandi città dove è più facile trovare queste tipologie a prezzi più vantaggiosi. —
 

Crema spalmabile di lattuga, noci e feta greca

Casa di Vita
Video del giorno

Auto nel canale a Dolo, il guidatore aiutato a guadagnare la riva

La guida allo shopping del Gruppo Gedi