In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

«Punta Sabbioni-Venezia corse Actv insufficienti» raccolte 350 firme in 48 ore

Il comitato pendolari pronto a tappezzare il terminal con manifesti di protesta Diffida all’azienda di trasporto firmata dalla sindaca Nesto

Francesco Macaluso
1 minuto di lettura

Corse insufficienti sulla linea Actv Punta Sabbioni-Venezia: avviata sulla piattaforma change.org una petizione spontanea per rafforzare le linee 14 e 15, che ha raccolto 350 firme in 48 ore, tanto che il Comitato Pendolari di Cavallino-Treporti è pronto a tappezzare il terminal di manifesti di protesta e a organizzare un'ulteriore raccolta firme.

Già partita dall'amministrazione comunale di Cavallino-Treporti una nuova diffida diretta all'azienda trasporti a supporto della petizione firmata dalla sindaca Roberta Nesto. «Hanno tagliato il diretto Punta Sabbioni – Venezia della linea 15» accusano dal comitato di pendolari «senza contare l'eliminazione dei collegamenti notturni di rientro da Venezia e del Ferry Boat Lido - Punta Sabbioni. Basta. La misura è colma».

«Se verranno confermati i tagli da e per Punta Sabbioni» interviene la consigliera regionale M5S, Erika Baldin «allora lo scenario per il trasporto pubblico locale in laguna è molto più fosco del previsto. Città metropolitana e Actv tornino sui loro passi e interrompano il continuo impoverimento dei servizi sulla questa tratta».

«Tutti gli enti intervengano per dissuadere Actv» attacca Angelo Zanella «perché sta facendo di un'emergenza sanitaria un'occasione di ridimensionamento dei servizi rispettosa delle esigenze di circa 60 lavoratori della stessa Actv, tanti pendolari del litorale che lavorano a Venezia o a Lido». —

Francesco Macaluso

I commenti dei lettori