Elezioni comunali Venezia, Zecchi candidato sindaco per il Partito dei veneti

Il filosofo e opinionista, noto volto televisivo, in campo alla guida della lista che raggruppa varie formazioni indipendentiste

VENEZIA. Il Partito dei Veneti, nato dall'unione delle formazioni indipendentiste, candida a sindaco di Venezia Stefano Zecchi. Zecchi, 74 anni, filosofo ed opinionista veneziano, ha tenuto per anni la cattedra di Filosofia Teoretica all'Università di Padova. Ha insegnato in varie Università italiane e straniere.

«Accolgo con favore l'invito da parte del Partito dei Veneti di candidarmi, condividendo la loro idea di amministrazione della città; Venezia Capitale europea - spiega in una nota Zecchi - pensiamo a Venezia come Capitale europea e il Veneto come area metropolitana di questa Capitale europea, un'area integrata e perfettamente inserita nel contesto europeo».

Zecchi immagina «la Grande Venezia con tutto quello che ciò comporta in termini di politica dei trasporti, dei servizi e delle infrastrutture». «La mia candidatura a Sindaco della città di Venezia interpreta un pensiero e un'esigenza internazionale - conclude Zecchi - in grado di affrontare un problema di carattere locale che, tuttavia, esige con urgenza la presa di coscienza collettiva per amministrare un bene che oltrepassa i confini cittadini, un bene su cui sono rivolti gli occhi di tutto il mondo: la nostra Venezia che attende nuove risposte ai suoi problemi antichi».

Video del giorno

Addio Tuono Pettinato, sui social il ricordo di colleghi e fan: "Eri uno dei buoni"

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi