Cittadinanza negata a un rifugiato curdo residente a Mira da 20 anni

Cresce la solidarietà in paese per il padre di famiglia ben inserito. Il Tar del Lazio gli contesta di essere stato iscritto al Partito dei lavoratori curdi