Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Antenne 5G Altri Comuni sono pronti al divieto

CAMPONOGARA. Telefonia 5 G. Si allarga ad altri comuni della Riviera del Brenta la decisione di fermare o chiedere chiarimenti prima dell’installazione di nuove antenne. Almeno finché non ci saranno studi che chiariscano i danni che possono recare alla salute.

Pronto a seguire Camponogara è il Comune di Mira. Una richiesta di chiarimenti ai ministeri competenti arriva dai comuni di Fiesso, Campagna Lupia per l’Unione dei Comuni (di cui fanno parte anche Fossò e Dolo). Venerdì sera a Camponog ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPONOGARA. Telefonia 5 G. Si allarga ad altri comuni della Riviera del Brenta la decisione di fermare o chiedere chiarimenti prima dell’installazione di nuove antenne. Almeno finché non ci saranno studi che chiariscano i danni che possono recare alla salute.

Pronto a seguire Camponogara è il Comune di Mira. Una richiesta di chiarimenti ai ministeri competenti arriva dai comuni di Fiesso, Campagna Lupia per l’Unione dei Comuni (di cui fanno parte anche Fossò e Dolo). Venerdì sera a Camponogara si è tenuto sul tema un dibattito al teatro Dario Fo a cui hanno partecipato oltre 200 persone. Hanno parlato esperti del settore. Il comune di Camponogara ha emesso un’ordinanza nei giorni scorsi che vieta con un principio precauzionale, l’installazione della nuova tecnologia finché non ci saranno studi che chiariscano le ricadute su salute e ambiente. Fra gli interventi più qualificanti, quello del professor Achille Sacchi, laureato in Scienze geologiche, insegnante di Elettrogeobiologia, esperto di inquinamento elettromagnetico, autore del volume “Inquinamento invisibile”. Il docente ha spiegato i rischi di questa nuova tecnologia che è estremamente più potente del precedente 4 G. Tante le richieste di chiarimenti dei cittadini. «Bisogna», spiega l’assessore all’ambiente ed ex sindaco Giampietro Menin, «tutelare la salute dei cittadini. Vogliamo studi specifici sugli effetti di questa nuova tecnologia».

«Ho seguito», spiega l’assessore all’ambiente del Comune di Mira Maurizio Barberini, «il dibattito al teatro Fo. Porterò la questione in giunta a Mira. Prima di autorizzare questi impianti sul territorio servono altri studi». Chiedono chiarimenti anche i sindaci di Campagna Lupia e Fiesso. —

A.Ab.