In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mezzi stracarichi vecchi e sporchi «Diffidiamo Actv»

La rivolta dell’amministrazione di Cavallino-Treporti contro l’azienda di trasporti veneziana «Promesse non mantenute dobbiamo tutelare i pendolari»

Francesco Macaluso
1 minuto di lettura

venezia. «Siamo pronti a diffidare Actv. I continui disservizi e il silenzio dell’azienda stanno dimostrando il poco rispetto verso i pendolari e i turisti che ogni giorno si recano nelle isole a costi eccessivi rispetto al servizio». L’affondo in piena estate contro l’azienda trasporti veneziana arriva dal comune di Cavallino-Treporti, trafficata porta nord per Venezia dai due terminal di Punta Sabbioni e Treporti. «Siamo delusi», dicono il sindaco Roberta Nesto e l’assessore ai trasporti Francesco Monica, «per le promesse non mantenute e per i numerosi disagi che la disorganizzazione aziendale e i mezzi datati causano ai passeggeri. L’assordante silenzio di Actv su tutti i disservizi segnalati è vergognoso. Mezzi sovraffollati, sporchi, in inverno con il riscaldamento non funzionante, d’estate con il sistema di condizionamento rotto. Poi ritardi di oltre 20 minuti anche d’estate, mancate coincidenze con gli altri mezzi. Promesse di verifica sempre, risposte quasi mai».

«Ci siamo fatti portavoce», ricordano gli amministratori, «supportando anche il Comitato Pendolari, ma sul miglioramento dei servizi minimi nessun risultato nonostante i solleciti quasi quotidiani. Abbiamo il dovere di tutelare il diritto di chi viaggia e la dignità di passeggeri che ogni giorno sono ammassati in mezzi non idonei». Ottenuti negli ultimi quattro anni da Actv la terza corsia nel pontile di Punta Sabbioni, il mantenimento della motonave delle 13.15 da Riva degli Schiavoni verso Punta Sabbioni anche d’inverno e il battello foraneo delle 5.15 da Punta Sabbioni a Venezia. Poi l’aggiunta di un bis alle 7.30 da Punta Sabbioni e l’accesso priority. «Ci hanno informato», concludono, «che in autunno ci saranno nuovi mezzi. Se fosse vero, devono essere messi a disposizione per le nostre linee». —

Francesco Macaluso

I commenti dei lettori