«Stop violenze sui granchi» Battibecco a “La Zanzara”

la polemica

La “Zanzara” ronza attorno a Jesolo pronta a pungere dopo la denuncia della Leidaa contro le “persecuzioni” dei granchi da parte dei bambini sulla spiaggia. Il conduttore radiofonico Giuseppe Cruciani vi ha dedicato una puntata della provocante trasmissione su Radio 24, duettando con un agguerrito Daniele Bison armato di insetticida, che lo scorso anno aveva iniziato una prima battaglia a favore dei granchi. La trasmissione è stata seguitissima, così come il dibattito in rete. Andrea Marin della Lega per la difesa dei diritti degli animali e ambiente (Leidaa) ha sollevato la questione dopo che un’iscritta aveva litigato con un nonno, il quale permetteva al nipotino di seviziare un granchio nel secchiello nonostante la ragazza lo avesse in qualche modo redarguito insegnando l’importanza di rispettare gli animali.


Marin ha evidenziato la necessità di educare i bambini al rispetto degli animali. Cruciani ha minimizzato, prendendo in giro Jesolo e questi animalisti imperterriti che si scagliano contro i giochi di tutti i bambini.

Bison, leader della civica Jesolo, ha chiamato in diretta per punzecchiare Cruciani. E sono scoccate scintille, con il conduttore sempre più deciso a sdrammatizzare l’atteggiamento di animalisti e difensori dei granchi. Ora Bison denuncia pubblicamente che oltre 20 mila granchi ogni mese d’estate vengono torturati e uccisi. «Non sono animalista» spiega Bison a fine trasmissione «ma ho già parlato con molte mamme anche la scorsa estate per evidenziare che i granchi non vanno trattati così. Cruciani ha derubricato l’episodio e preso in giro la città. Ma una cosa è giocare con il retino e liberare poi i granchi in mare, un’altra vedere adulti che incitano alla violenza sui granchi, come in questi casi, perché magari non abbaiano o miagolano. Gli stessi che a casa hanno il pesciolino rosso e il cane che nutrono come un bambino. Il granchio è un animale, non gli si staccano le chele, non si lasciano in acqua sotto il sole a soffrire con la compiacenza di adulti. È una mattanza di grandi proporzioni. Sui 60 pontili giocano tutti i giorni i bambini. In piena estate, quando a Jesolo arrivano turisti da tutta Europa, sono 20 mila i granchi uccisi ogni mese. Noi non pensiamo a sanzioni o quant'altro, ma vogliamo che i turisti siano sensibilizzati a non comportarsi così e rispettare questi animaletti così importanti per l'ecosistema marino». —

G.Ca.

Video del giorno

Il concerto di Hendel alle Cinque Torri di Cortina

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi