Oltre settecento firme chiedono di ampliare il bosco del Parauro

MIRANO. La città ha dato un segnale: circa 700 persone hanno infatti già firmato l’appello lanciato da alcune associazioni ambientaliste per chiedere al Comune di acquistare i terreni del Mariutto in via Zinelli e ampliare così il bosco del Parauro. Italia Nostra, Legambiente, Wwf, Valore Ambiente e il Comitato di Luneo sono i gruppi che, nei due scorsi fine settimana, hanno allestito alcuni gazebo in diversi punti di Mirano per coinvolgere la cittadinanza nella realizzazione di un progetto che li vede impegnati da mesi, da quando il Mariutto ha messo in vendita i terreni di via Zinelli.

«La proposta di ampliamento è stata condivisa per i benefici ambientali che il Bosco porta al territorio», sottolinea Adriano Marchini, rappresentante dei soci di Italia Nostra, «e per una risposta più coerente alla necessità di conservare il patrimonio del Mariutto alla comunità miranese e per la rilevante funzione sociale e ricreativa che può offrire». Nei mesi scorsi, le associazioni hanno messo in piedi diverse iniziative a sostegno del progetto, culminate in una marcia lungo il bosco del Parauro che ha visto la partecipazione di circa 300 persone.


Anche alla luce delle mobilitazioni, il Comune, qualche settimana fa, ha manifestato il suo interesse per i terreni, specificando però la necessità di trovare dei partner (Città metropolitana o Regione) disposti a cofinanziare un acquisto insostenibile per le sole casse comunali. Il Mariutto, da parte sua, dopo l’interesse del Comune, ha quindi congelato la vendita dei terreni. Solo fino al 2 settembre, però. E per gli ambientalisti, la finestra temporale concessa per trovare dei partner sarebbe ridotta. Ecco quindi la raccolta firme. Sono circa 700 le persone che hanno già firmato l’appello degli ambientalisti che, venerdì 28 giugno, alle 20.45 nella sede Napea del bosco del Parauro, organizzeranno un incontro pubblico per presentare esperienze di realizzazione e gestione di boschi in pianura. Relatore sarà Silvio Anderloni, del Centro forestazione urbana di Italia Nostra, che illustrerà le esperienze del “Bosco in città” di Milano e del “Bosco della Giretta” di Settimo Milanese. —

Matteo Riberto

Video del giorno

Il concerto di Hendel alle Cinque Torri di Cortina

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi