«Le porte girevoli della giunta Romanello»

MARCON. «Le porte girevoli della giunta Romanello». Le minoranze tornano ad attaccare il sindaco sulla scelta di riammettere in giunta l’assessore Salvati: «Come avevamo previsto, il sindaco ha tenuto il posto in caldo a Valeria Salvati nella giunta di Marcon», commentano i consiglieri del centrosinistra marconese Andrea Follini, Arcangelo Varlese, Margherita Lachin e Gianpietro Puleo, «il 26 aprile scorso l’assessore all’Ambiente ed alla Viabilità si era dimessa dalla carica “per concentrarsi sulla campagna elettorale” a Preganziol che la vedeva candidata a sindaco per il centrodestra. Dopo la sonora sconfitta già al primo turno, con riconferma del sindaco uscente di centosinistra Paolo Galeano, Salvati viene ora rinominata assessore dal sindaco Romanello, riprendendo così il suo doppio incarico: assessore a Marcon, consigliere comunale di opposizione a Preganziol. Il sindaco con questa rinomina certifica che tra le candidate di due anni fa e iscritte della Lega e della civica non ci sono donne competenti per ricoprire il ruolo di assessore del nostro Comune. Una grave mancanza di rispetto. Il ritorno di Salvati, grandemente incensato da Romanello, speriamo porti un cambio di passo: l’aumento della tassa sui rifiuti e le improvvisate modifiche alla viabilità non fanno ben sperare. E non può essere preso a merito un’attività di pulizia dell’area dell’ex Nuova Esa cominciata da altri già nel 2012». —

Marta Artico


Video del giorno

Il concerto di Hendel alle Cinque Torri di Cortina

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi