In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Bortolato cerca il colpaccio Arena spera nella rimonta

M.M.
1 minuto di lettura

MOGLIANO. Oggi si vota anche per eleggere il sindaco di Mogliano Veneto, comune della Marca ma molto legato al Veneziano. Sarà il giorno della verità per Carola Arena e Davide Bortolato, rispettivamente sindaco uscente del centro sinistra e sfidante dello schieramento opposto. Mogliano è l’unico comune della provincia di Treviso dove è necessario chiamare gli elettori al voto per la seconda volta. Negli altri 55 casi il rinnovo dei consigli comunali e delle giunte si è concluso al primo turno. Il Carroccio forte dell’ondata di favore registrata anche con le europee è riuscito a rafforzare notevolmente la propria presenza nel territorio. In pochi, spesso sindaci uscenti, hanno arginato l’ondata verde nella provincia più leghista d’Italia. È accaduto a Preganziol, con l’elezione al primo turno di Paolo Galeano, a Roncade con Pieranna Zottarelli e a Monastier con Paola Moro (anche a Zero Branco con il nuovo Luca Durighetto che prosegue dopo l’era Feston). Niente da fare invece per Casier, Maserada, Carbonera, Caerano e Ponzano che passano al Carroccio piglia tutto. E nella (fu) roccaforte del centro sinistra? A Mogliano, Davide Bortolato, candidato di un ampio schieramento che comprende Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lista Bortolato Sindaco e Piazza Civica, ha sfiorato il colpaccio arrivando lo scorso 26 maggio al 49,4%. Non è stato eletto per un pugno di voti, 88. Carola Arena può tornare a sperare nella riconferma del secondo mandato. Il sindaco uscente, già segretario del Pd, viene supportata da quattro liste: Democratici Per Mogliano, Mogliano 2024, Il Ponte e Mogliano Bene Comune. Arena al primo turno ha ottenuto il 44,2%. In alcune sezioni dei quartieri del centro è riuscita a prevalere sullo sfidante, superandolo di misura. Nelle frazioni, soprattutto Bonisiolo e Campocroce il consenso si è spostato nettamente per Bortolato. Oggi il verdetto. —

M.M.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

I commenti dei lettori