Venezia, nuovo regolamento: pioggia di divieti in nome del decoro

Approvato il nuovo regolamento di polizia urbana, con il Daspo per chi sgarra. Divieto di bere alcolici (fuori dai locali) e far rumore dalle 23 alle 8, ma i bimbi possono andare in bici

VENEZIA. Il Consiglio comunale, con 22 voti favorevoli e 6 contrari (Pd, Lista Casson e il pentastellato Davide Scano), ha approvato il nuovo Regolamento di Polizia e Sicurezza urbana: 82 articoli - 30 in più del precedente - con molte novità e molti nuovi divieti occupazioni del suolo pubblico, pulizia e decoro nei centri abitati, tutela dell'incolumità e della fruibilità urbana, sicurezza urbana.

Così - ad esempio - chiunque a Venezia "sporca in qualsiasi modo luoghi pubblici" dovrà pagare una sanzione amministrativa da 25 euro a 500 euro e chi non rispetterà il decoro della città potrà incorrere in pesanti sanzioni, fino al Daspo urbano, divenuto ora effettivo con il nuovo regolamento di polizia urbana. Vietato - ad esempio - bere alcolci al di fuori dei locali tra le 20 e le 8 di mattina. Vietate "le scorribande tra locali" dal lunedì al giovedì. Sarà però concesso ai bambini sotto agli 11 anni di andare in bici o monopattino (ma non nell'area marciana). Vietato in qualsiasi modo turbare la quiete pubblica dalle 23.01 alle 8.

Norme sulla pulizia e sul decoro che dovranno far rispettare ai propri clienti anche bar, ristoranti e locali concessionari di aree pubbliche, tenuti a mantenere costantemente puliti i plateatici. Per costoro c'è inoltre l'obbligo del servizio di raccolta differenziata per un raggio di 100 metri lineari dall'ingresso dell'attività. Piatti e bicchieri di plastica dovranno essere poi 'brandizzatì entro un anno dall'entrata in vigore del regolamento, per renderli riconoscibili in caso di abbandono.

"Era da 33 anni che non si metteva mano a questo documento - ha dichiarato davanti all'assemblea il sindaco Luigi Brugnaro - rivendichiamo come Amministrazione di averlo fatto. La mancanza di decoro in passato è stato combattuto con i mezzi dello Stato sociale - ha continuato il sindaco - noi abbiamo cambiato schema, perché non può essere lasciato spazio all'impunità. Un turista deve essere rispettoso della città e certo non può mettersi a mangiare su una vera da pozzo. Sia consapevole che qui, se si comporta male, avrà il daspo urbano. Ci sono attività che fanno del bene a Venezia, altre molto meno. L'abbiamo per esempio detto più volte, 'bar aperto bagni aperti, bagni chiusi, bar chiuso'. E' evidente che altrimenti si creano problemi nelle calli limitrofe.

Atti contrari al decoro. Vietato circolare nei luoghi pubblici o aperti al pubblico passaggio dei centri abitati, compreso a bordo di veicoli o imbarcazioni, pubbliche o private, in tenuta balneare (costume da bagno di qualsiasi foggia) o a torso nudo. Stessa prescrizione anche su vaporetti, bus e tram, mentre vengono confermati i divieti di "consumare alimenti e bevande seduti al suolo nei luoghi pubblici o aperti al pubblico passaggio dei centri abitati", "vendere o somministrare per asporto alcolici o bevande in bottiglie in vetro prive di tappo o bicchieri in vetro", "sedersi o sdraiarsi a terra sui gradini dei ponti e dei portici monumentali, sulle vere da pozzo (che non sono da utilizzare come piano d'appoggio), davanti a vetrine di negozi, su murette di fondamenta nonché sulle passerelle per l'acqua alta", "bagnarsi, tuffarsi e/o nuotare in tutti i rii, canali e bacini interni ai centri urbani, nel Bacino di San Marco e nel Canale della Giudecca", "sdraiarsi sulle panchine, salirvi con i piedi e in ogni caso bivaccare, anche nelle fermate del trasporto pubblico locale".

Addii al celibato e lauree. Per contrastare l'abuso di alcol sulla pubblica via "è vietata, dalle ore 20 di ogni giorno alle ore 8 di quello successivo, l'assunzione di bevande alcoliche di qualsiasi genere, tipologia e gradazione al di fuori dei luoghi autorizzati alla somministrazione e dei relativi plateatici", "è vietato, sempre con gli stessi orari, il trasporto volto alla consumazione in spazio pubblico non predisposto di bevande alcoliche" e, dal lunedì al giovedì dalle ore 20 alle 8 del giorno successivo, non si può "partecipare a scorribande di due o più persone tra pubblico esercizio e pubblico esercizio finalizzate al non responsabile festeggiamento di eventi o ricorrenze pubbliche o private quali addii al celibato/nubilato, lauree".

Le aree di particolare decoro e daspo urbano. Nel Regolamento si mettono nero su bianco le "aree di particolare decoro": stazioni, aeroporti, Marittima, tramvie, mezzi del trasporto pubblico locale, pontili, parcheggi e, soprattutto, tutte le aree del territorio comunale comprese nel perimetro del sito Unesco "Venezia e la sua Laguna". Chi violerà le norme del regolamento, potrà ricevere il daspo urbano.

Tra le aree di "particolare tutela" ci sono anche le chiese, i siti archeologici, gli edifici del sistema difensivo dei forti di Mestre, i parchi, piazza Ferretto e zone limitrofe, piazza Mercato, Sant'Antonio e Municipio a Marghera, piazza San Giorgio a Chirignago, piazzale Pastrello a Favaro, le mense sociali, gli impianti sportivi, le aree produttive o di riconversione sociale, i presidi sanitari e le strutture destinate allo svolgimento di fiere, mercati e pubblici spettacoli.

Il Regolamento approvato oggi disciplina "le autorizzazioni per l'occupazione del suolo pubblico rilasciate dalla Polizia locale", sottolineando che "nessuno può chiedere l'occupazione dello stesso luogo per più di due giorni al mese e con un intervallo di almeno otto giorni tra un'occupazione e la successiva". Interessati dal provvedimento sono coloro che intendano occupare suolo pubblico o aperto al pubblico passaggio con singoli banchetti per la vendita (vietata in forma itinerante) di biglietti di lotterie o per la raccolta fondi a favore di onlus o altre forme associative. Queste realtà dovranno chiedere l'autorizzazione alla Polizia locale dichiarando le finalità non di lucro e di utilità sociale dell'attività. Allo stesso modo, in caso di iniziative pubbliche sindacali o politiche con occupazione di suolo pubblico con palchi, pedane, gazebi in un'area non superiore ai 10 metri quadri per meno di 24 ore, si dovrà presentare richiesta alla Polizia locale almeno quattro giorni prima dell'evento.

Chiunque invece "sporca in qualsiasi modo luoghi pubblici dovrà pagare una sanzione amministrativa da 25 euro a 500 euro". Stesso concetto anche per i concessionari di aree pubbliche: "Sono tenuti a mantenerle costantemente pulite", si legge nel documento, all'interno del quale si individuano poi ulteriori obblighi per coloro che vendono o somministrano cibi e bevande anche per asporto: ci sarà l'obbligo di servizio di raccolta differenziata per un raggio di 100 metri lineari dall'ingresso o dagli ingressi dell'attività. Recipienti e contenitori di attività commerciali, artigianali, locali pubblici dovranno essere brandizzati entro un anno dall'entrata in vigore del regolamento in modo da "renderli riconoscibili in caso di abbandono". Allo stesso modo per le stesse attività commerciali è stato inserito nel documento l'obbligo di utilizzo, dall'1 gennaio 2021, di contenitori, stoviglie e sacchetti monouso biodegradabili e compostabili. È in ogni caso vietato ampliare la superficie di somministrazione "mettendo a disposizione della clientela imbarcazioni o galleggianti di qualsiasi tipo" e la presenza di servizi igienici dovrà essere resa nota attraverso apposita segnaletica posizionata all'esterno del locale.

Lucchetti, bici e "battitori" vietati - Non si possono attaccare lucchetti sui ponti e non si può circolare in bici in centro storico, ad eccezione dei velocipedi condotti a mano dai residenti per raggiungere la propria abitazione. Bici a mano ammesse anche "nel tratto compreso tra Piazzale Roma, il ponte della Costituzione, fondamenta Santa Lucia, calle Favretti fino alla congiungente perpendicolare tra lo spigolo ovest della chiesa degli Scalzi e il Canal Grande". Monopattini e velocipedi concessi ai bambini sotto gli 11 anni ad esclusione dell'area marciana, realtina e di altre zone del centro storico, dove è vietata l'attività di "battitore" per ristoranti e bar. A piazzale Roma e davanti alla stazione ferroviaria di Santa Lucia, inoltre, lo stazionamento dei carretti di trasporto potrà avvenire solo in appositi stalli di sosta individuati con provvedimento del dirigente Mobilità e Trasporti su indicazione della Giunta comunale.

In fatto di Sicurezza urbana è vietato turbare in qualsiasi modo la quiete pubblica dalle 23.01 alle 8 del giorno successivo, oltre che dalle ore 12 alle 15. Potranno inoltre essere stabilite con ordinanza del sindaco, in caso di situazioni di allarme sociale, limitazioni agli orari di apertura degli esercizi commerciali, mentre chi viene sorpreso dalla Polizia locale ad acquistare, ricevere, esibire o consumare stupefacenti in luogo pubblico potrà ricevere una sanzione da 25 euro a 500 euro con sequestro degli strumenti per l'assunzione di droga. Qualora la violazione del divieto avvenga in un'area di "particolare tutela" potrà scattare il daspo urbano sia per il pusher che per l'acquirente: l'addetto al coordinamento dell'agente accertatore (o lui stesso qualora abbia direttamente e personalmente accertato la violazione), con ordine scritto e motivato, potrà ordinare al trasgressore l'allontanamento dal luogo dove ha commesso il fatto. Anche in virtù dell'eventuale pericolo di reiterazione e del rischio, effettivo o potenziale, di turbamento della circolazione viabilistica o pedonale.

Il Regolamento conferma infine prescrizioni e divieti per il commercio abusivo (gli acquirenti saranno sanzionati e potranno subire anche la confisca del bene appena acquistato, con divieto di trasporto o sosta senza giustificato motivo con grandi sacchi di plastica o borsoni contenenti mercanzia), per la prostituzione di strada (nei luoghi di particolare tutela potrà anche essere disposto l'allontanamento di chi viene sorpreso a contrattare con una lucciola) e per la prostituzione di strada esercitata con camper e roulotte, con possibilità di daspo urbano. Attenzione viene posta anche sul mantenimento della sicurezza negli immobili di edilizia residenziale pubblica, sul contrasto al sovraffollamento di unità abitative (i trasgressori potranno essere sanzionati con 500 euro) e sull'eventuale sosta in parchi pubblici oltre l'orario di chiusura dei cancelli. 

Il sindaco ha poi parlato di flussi turistici: "Stiamo portando in Consiglio fatti concreti - ha dichiarato - I flussi turistici oggi sono un fenomeno mondiale, le persone vogliono muoversi e gli aerei hanno costi accessibili. E' evidente che non possiamo chiudere la città, ma stiamo mettendo a punto un sistema di prenotazioni cui collegare una serie di servizi aggiuntivi". Sui divieti di utilizzo di plastica monouso a partire dall'1 gennaio 2021 il primo cittadino ha spiegato: "Pensiamo che serva un tempo congruo per adeguarsi alle prescrizioni, perché serve anche abituarsi a nuovi comportamenti. Questo regolamento - ha concluso - dovrà essere applicato con pazienza, perché credo che serva puntare soprattutto sulla dissuasione. Di certo, però, l'approvazione di questo documento costituisce un punto di partenza per tutti".

Video del giorno

Isole Faroe, 1500 delfini uccisi sulla riva: un massacro senza precedenti

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi