Contenuto riservato agli abbonati

Maxi truffa: ecco i cinque veneziani coinvolti

Dall'intromettitore di piazza al direttore sportivo, De Silvestro già nei guai in una vicenda di ’ndrangheta

VENEZIA. Ci sono l’intromettitore di piazza, il direttore sportivo di una squadra di calcio a cinque, il consulente fiscale e l’ex dipendente di un’azienda che gestisce una darsena. Sono i veneziani finiti nell’inchiesta denominata “Scarica Barile” della Guardia di Finanza e della Procura di Padova che ha consentito di scoprire una frode da 25 milioni di euro. Tutti i veneziani coinvolti nella vicenda sono accomunati dal fatto di essere prestanome in società cartiere che avevano il compito di produrre delle fatture false, allo scopo di coprire evasione fiscale e soldi in nero che poi finivano all’estero.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Venezia. Pignorata la principale biglietteria dell'azienda di trasporto

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi