Venezia, tornano le gigantesche mani di Quinn: questa volta sono dodici

L'allestimento della gigantesca opera di Lorenzo Quinn "Bulding Bridges"

"Building Bridges": all'Arsenale, sei enormi paia di braccia per abbracciare e proteggere il mondo

VENEZIA. Lorenzo Quinn torna le sue mani, con un'enorme scultura ideata per abbracciare - ancora una volta - Venezia e l'umanità.

All'attorno al bacino di carebaggio dell'Arsenale di Venezia, sta prendendo corpo "Building Bridges", Costruendo Ponti, gigantesca scultura che - spiega l'entourage dell'artista -  "rappresenta l'apice dell'espressione artistica di Quinn fino ad oggi".

Composta da sei paia di mani monumentali, la spettacolare scultura è alta 15 metri e larga 20 metri: "I valori vitali e fondamentali presentati nell'opera d'arte danno una forte enfasi al bisogno dell'umanità di traslare le sue molte differenze in un mondo sempre più interconnesso e instabile".

Le enormi braccia di Quinn e "l'Uomo che misura le nuvole" di Fabre

"Un figlio di Venezia" - come si presenta Quinn - inaugura la sua opera più grandiosa, in occasione della Biennale d'Arte 2019: gran gala giovedì 9 maggio, con mini-concerto di Andrea Bocelli.

Venezia. Le mani e la fionda di Quinn hanno trovato casa

Già in occasione della presentazione di "Support" - la scultura che abbracciava Ca' Sagredo due anni fa e che aveva conquistato anche i veneziani - Lorenzo Quinn aveva spiegato di prediligere le mani perché "sono il simbolo di unione. Ci servono a creare arte, accarezzare i nostri figli, agire per proteggere - per loro - il pianeta. E gettare ponti".

Un'arte volutamente visibile a tutti, per condividere quanto più possibile il messaggio di unione tra le persone e i popoli.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi