Contenuto riservato agli abbonati

Alcolici ai minori, più controlli nei locali: «Molti si portano però da bere da casa»

Il giro di vite previsto da questura e prefettura contro i bulli. Gli esercenti: «Non siamo noi i responsabili della violenza»

MESTRE. C’è un aspetto del contrasto al gruppo di bulli che nelle ultime settimane ha scorrazzato tra Venezia e Mestre che sta preoccupando i titolari dei locali nelle zone frequentate (anche) dai bulli.

È il passaggio in cui la prefettura spiega che «verranno ulteriormente intensificate le attività di controllo del territorio e degli esercizi pubblici, ubicati nelle zone frequentate dalla cosiddetta baby-gang, allo scopo di adottare misure sanzionatorie che incidono sugli orari o sulle chiusure di quelle attività che dove vengono somministrate bevande alcoliche ai minorenni e frequentate da soggetti dediti allo spaccio».

C’è

Video del giorno

Due sciacalli dorati avvistati in un vigneto ad Annone Veneto: il video

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi