Contenuto riservato agli abbonati

Donadio, il boss di Eraclea: Gli uomini di Maniero chiedono a me prima di agire

Proseguono le indagini che ricostruiscono l'arrivo del clan 'ndranghetista da Casal di Principe nel Veneto Orientale. Di lì a poco Felice si sarebbe pentito, ma il malaffare avrebbe continuato a crescere

SAN DONA'. Quando i Casalesi arrivano in Veneto Orientale, la mafia del Brenta c’è ancora. Anche se inizia a perdere i primi colpi e di lì a poco si dissolverà con il pentimento di Felice Maniero.

Luciano Donadio il boss dei Casalesi però porta rispetto per i colonnelli di Maniero che operano nel Sandonatese. Ma non considera Maniero un vero boss.

A proposito di Maniero, come viene riportato dal sostituto procuratore antimafia Roberto Terzo nella sua richiesta al gip, Luciano Donadio parlando con il nipote Antonio Puoti dice: “poteva essere anche un grande uomo di una intelligenza sovrumana però, alla fine ha cantato su tutte le persone che gli stavano intorno.

Video del giorno

Tennis, il gesto di stizza di Ymer dopo un punto perso: distrugge la telecamera con una pallata

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi